Nel corso degli anni MSF è intervenuta in contesti molto diversi: le emergenze come guerre, epidemie e catastrofi naturali rimangono la nostra priorità, ma operiamo anche durante crisi malnutrizionali acute oppure in contesti dove l’accesso alle cure è inesistente o molto limitato.

Featured countries

Dal 19 marzo, le équipe mediche di MSF hanno curato più di 13.300 persone ferite durante i violenti attacchi in varie regioni. MSF è una delle poche organizzazioni ancora attive in Yemen.

La Repubblica Centrafricana (CAR) vive una situazione di emergenza sanitaria cronica e prolungata. La crisi politica e la violenza che scuote il paese dal 2013 hanno aggravato la carenza generale di servizi sanitari e il 72 per cento delle strutture sanitarie sono state danneggiate o distrutte.

MSF sta continuando a lavorare con il Ministero della Salute sulla prevenzione e trattamento della malaria in Guinea per fornire supporto all’ospedale distrettuale.

Durante gli scontri tra il governo e le milizie nello stato di Jonglei ad aprile 2013, il personale e i pazienti dell’ospedale di Pibor sono stati vittime di minacce e intimidazioni e MSF è stata costretta a sospendere le attività.

Il numero di persone che ricevono assistenza medica cruciale negli ospedali di MSF è quasi raddoppiato negli ultimi due anni, un chiaro segnale dei bisogni medici del paese.