Nel 2016 i progetti di MSF in Cambogia si sono concentrati sulla lotta contro l'epatite C e la malaria.

La presenza di MSF nel paese

  • Anno del primo intervento di MSF nel paese: 1979
  • Nel 2016 307 pazienti hanno beneficiato del trattamento gratuito per la terapia dell'Epatite C ed è stato eseguito un test su più di 3.000 persone per identificare i portatori del ceppo malarico.

 

Cosa facciamo

MSF ha lanciato un programma anti-epatite C in Cambogia nel maggio del 2016, offrendo il primo trattamento gratuito per il virus ematico nel Paese. Sebbene la prevalenza della malattia sia sconosciuta, si stima che il 2-5 per cento della popolazione sia infetto. Il progetto ha base presso l'ospedale Preah Kossamak di Phnom Penh.

L'équipe ha iniziato lo screening dei pazienti HIV-positivi in ospedale per verificare la presenza di co-infezione. Nel mese di ottobre, lo screening è stato ampliato in modo da includere pazienti inviati dal dipartimento di epatologia dell'ospedale. I risultati indicano che solo un piccolo numero di pazienti affetti da HIV presenta co-infezione di epatite C.

Alla fine di dicembre 2016, 307 pazienti assumevano la terapia e 183 erano in lista di attesa. Uno dei riscontri dei primi sei mesi del progetto è stato che una grande percentuale di pazienti affetti da epatite C era di età avanzata, con una media di 55 anni, e il 91% di oltre 40 anni. Il cinquanta per cento dei pazienti è risultato avere una fibrosi epatica avanzata, allo stadio F3 e F4 della malattia, associata a gravi danni al fegato.

Alcuni pazienti aspettano di essere visitati dalle équipe di MSF presso il Preah Kossamak Hospital a Phnom Penh

 

Progetto contro la malaria

Il progetto di ricerca di MSF in Cambogia settentrionale è stato creato per trovare il modo di eliminare la malaria in un'area dove è stata riscontrata la resistenza al più potente farmaco antimalarico, l'artemisinina. La strategia consiste nella diagnosi precoce e nel trattamento delle persone affette da sintomi, insieme a test volontari di gruppi ad alto rischio, come chi lavora nelle foreste o nelle piantagioni.

Quest'anno, il progetto è stato ampliato per testare più di 3.000 persone che non mostravano sintomi della malaria. I test hanno individuato 33 persone portatrici del ceppo più grave della malaria. Questi pazienti hanno poi ricevuto un trattamento per ridurre la probabilità di trasmissione.

L'équipe sarà in grado di orientare in modo più efficace l'impegno per la promozione della salute a seguito di questi risultati e comunicherà anche le fasi successive del progetto di ricerca.

Le équipe MSF effettuano screening sanitari per la malaria tra gli agricoltori della provincia di Preah Vihear