La violenza costante, principalmente legata alle organizzazioni criminali del narcotraffico, ha serie conseguenze sulla salute delle popolazioni vulnerabili, incluso i migranti economici e le persone che fuggono da minacce e attacchi nei loro paesi di origine. 

Cosa facciamo

  • 12.700 visite ambulatoriali
  • 1.600 sedute di salute mentale individuali e di gruppo
  • 22 pazienti curati in seguito a episodi di violenza sessuale

Dove siamo

Acapulco, Apaxco - Bojay - Tultitlan, Arrianga, Ixtepec e San Pedro de Pochutla 

Gli stimati 91.000 migranti dell’America Centrale che attraversano il Messico sui treni merci ogni anno, sperando di raggiungere gli Stati Uniti, sono particolarmente a rischio.

Molti diventano vittime di assalti, rapimenti, torture, violenze sessuale e/o assassinii. Anche gli abitanti delle aree soggette a violenza soffrono per la mancanza di accesso all’assistenza sanitaria, dovuta in parte a servizi di emergenza sovraffollati.

Le risorse per l’assistenza sanitaria sono generalmente scarse per le vittime della violenza, in particolar modo della violenza sessuale, e i loro bisogni di salute mentale sono largamente irrisolti. 

Le équipe di MSF stanno affrontando i bisogni medici e psicologici delle vittime di violenza diretta e indiretta. Sono stati proseguiti i programmi a Ixtepec (stato di Oaxaca), Bojay (stato di Hidalgo), e Apaxco e Tutitlán (stato di Messico).

Le attività includevano assistenza sanitaria di base, servizi di salute riproduttiva e sessuale, e assistenza per la salute mentale: durante l’anno sono state effettuate 1.389 visite traumatologiche.

Il personale ha anche indirizzato le vittime agli ospedali e assicurato che i casi di emergenza continuassero ad essere seguiti. Il programma di Arriaga, nello stato di Chiapas, è stato chiuso ad aprile 2013, poiché i servizi di assistenza sanitaria per i migranti sono stati trasferiti al governo. 

Emergenza dengue

A inizio 2013, lo stato di Guerrero e in particolare la città di Acapulco, hanno registrato un picco nel numero di casi di dengue, un’infezione virale diffusa dalle zanzare. Sono stati implementati programmi sanitari per combattere la malattia ma sono stati poi sospesi in alcune delle aree più vulnerabili di Acapulco a causa di incidenti di sicurezza.

A ottobre, MSF ha lavorato con le istituzioni locali come la chiesa per promuovere la prevenzione del dengue e fornire le informazioni necessarie, reclutando e formando 140 persone della zona e fumigando 7.200 case. 

Morbo di Chagas

Il Chagas, una malattia parassitaria che può essere asintomatica per anni ma che, se non trattata, può causare complicazioni debilitanti e morte, è ora riconosciuta dal governo come una priorità di assistenza medica. Un progetto di MSF sul Chagas, ideato in collaborazione con le autorità sanitarie e integrato nella rete di assistenza sanitaria pubblica di San Pedro de Pochutla, stato di Oaxaca, è stato reso operativo alla fine del 2013. 

Le storie dei nostri pazienti

Migrantes en su paso por Mexico: nuevas problematicas, rutas, etrategias y redes. Ana Maria Chavez Galindo e Antonio Landa Guevara. 
Un migrante frontaliero guatemalteco*

Sono stato rapito per 16 giorni vicino a Tenosique… parlavano con mio cognato, perché ci hanno costretto a dargli i numeri di telefono delle nostre famiglie. Hanno chiesto 5.000 dollari per lasciarci liberi. Una volta che il riscatto è stato pagato, ci hanno gettato nella Boca del Cerro senza vestiti e con lividi su tutto il corpo. Stavo sulla collina tutto il giorno e poi camminavo di notte per cercare una città. Alcune persone mi hanno aiutato e mi hanno portato all’ospedale più vicino…. sono tornato in Guatemala e, dopo 15 giorni, ho attraversato di nuovo il confine messicano. 
*per ragioni di sicurezza, il nome della persona non è stato rilasciato.

La presenza di MSF nel Paese:

  • Personale presente alla fine del 2013: 62
  • Operiamo nel Paese dal: 1985

Notizie & Pubblicazioni correlate