Paesi

Argomento

18 Maggio 2017

La testimonianza di Nola Aniba Tito, 27 anni, una delle interpreti che lavorano nel centro sanitario di MSF nell’area Ofua 3, all’interno del campo rifugiati Rhino, nel nord-ovest dell'Uganda.

12 Maggio 2017

A Mosul l’impatto del conflitto sulla popolazione continua a essere devastante. Chiara Burzio, infermiera italiana, racconta la propria esperienza nel paese.

8 Maggio 2017

Dopo 25 mesi di conflitto lo Yemen è in piena emergenza umanitaria. A febbraio 2017, abbiamo riavviato le attività nell'ospedale Haydan. A capo dell’équipe medica MSF c’era il dottor Roberto Scaini, che è appena rientrato in Italia e ci ha raccontato la sua esperienza.

21 Aprile 2017

La testimonianza di Candida Lobes, responsabile della comunicazione in Repubblica Democratica del Congo.

20 Aprile 2017

MSF ha distribuito 893 kit di prima necessità (tra cui kit per l'igiene, abbigliamento, utensili da cucina, coperte e materassi). I kit sono stati distribuiti alle famiglie in due aree, i campi appena a est della città di Dara'a e di Al Nuayma. Mohammed Ali Aboud e la sua famiglia hanno ricevuto uno dei kit. Mohammed ci ha raccontato la situazione della sua famiglia e le difficoltà quotidiane che deve affrontare.

12 Aprile 2017

Ieri abbiamo effettuato quattro salvataggi. Malgrado la stanchezza e l’attesa infinita tra un salvataggio e l’altro il nostro stato d’animo era al top, eravamo contenti perché i nostri “ospiti” stavano bene. Le 394 persone che abbiamo a bordo vengono da paesi diversi, ognuno ha la propria vicenda personale, i suoi ricordi indelebili, brutti e belli.

24 Marzo 2017

Tubercolosi e miniere in Africa sembrano andare particolarmente d’accordo: l’incidenza di TB tra i minatori africani è spaventosamente più alta rispetto a quella nella popolazione generale, e probabilmente la più alta in assoluto.

22 Marzo 2017

Il 19 febbraio abbiamo aperto un ospedale traumatologico da campo con capacità chirurgica in un villaggio a sud di Mosul. È composto di due sale operatorie, un’unità di terapia intensiva, un pronto soccorso, un reparto di degenza e altre strutture di supporto. Le nostre équipe che lavorano all’interno dell’ospedale, composte principalmente da chirurghi, medici e infermieri iracheni, operano i casi più gravi e potenzialmente mortali (codice rosso), mentre chi può aspettare è trasferito in ospedali più lontani.

17 Marzo 2017

"Il 3 febbraio 2017 ero di turno in ospedale quando i combattimenti si sono fatti più vicini. Sentivo rumore di artiglieria e colpi di arma da fuoco." La testimonianza di Mary Mayik Lual, madre sola di 5 figli che lavorava nell’ospedale di MSF a Wau Shilluk come addetta alle pulizie.

13 Marzo 2017

"In anni di guerra in Siria, decine di migliaia di bambini non sono stati vaccinati. È una cosa seria, ma sta passando inosservata." Intervista a Sara Ferrer, Coordinatore medico per le operazioni di MSF nel Nord della Siria.

Pagine