8 Agosto 2016

Nelle ultime settimane ad Aleppo si sono intensificati i combattimenti tra le forze governative siriane e le forze dell’opposizione che controllano la porta orientale della città. Per tre settimane Aleppo Est è stata sotto assedio: circa 250 mila persone intrappolate, anche i feriti di guerra e i malati gravi senza vie d’uscita, nessun accesso a cibo e forniture mediche. 

Nel frattempo gli ospedali stanno crollando sotto il peso della guerra, sia per gli attacchi fisici sia per la scarsità di forniture. Il 23 luglio nella zona Est di Aleppo gli ospedali Al-Daqaq e Al-Bayan sono stati gravemente danneggiati. Nei primi minuti di caos successivi ai bombardamenti, i due ospedali si stavano mandando i pazienti a vicenda non sapendo di essere entrambi sotto attacco.

Ospedale Al-Daqaq

L’ospedale Al-Daqaq è una delle poche strutture sanitarie ancora in funzione nella zona est di Aleppo. Il 23 luglio la zona intorno all’ospedale è stata bombardata due volte. La prima volta l’ospedale è stato parzialmente danneggiato ma la seconda volta la distruzione è stata più grave e l’ospedale è stato costretto a chiudere. I bisogni sono così urgenti che lo staff è riuscito a riaprire il pronto soccorso e le visite ambulatoriali il 2 agosto.

L’ospedale ha urgente bisogno di essere ricostruito, ma tutto è reso più difficile dai continui bombardamenti. Mancano alcune delle attrezzature più importanti.  Un apparecchio per l’anestesia è stato danneggiato, mentre un altro è totalmente rotto e non funziona più.Prima dell’attacco, l’ospedale riceveva circa 150 pazienti ed eseguiva circa 7 operazioni chirurgiche al giorno.

Ospedale Al-Bayan

Fortunatamente nessuno dello staff è rimasto ferito negli attacchi del 23 luglio, ma il pronto soccorso dell’ospedale è stato gravemente danneggiato. Parte delle attrezzature chirurgiche sono state distrutte, limitando le capacità dell’ospedale. Nonostante questo, il pronto soccorso è stato parzialmente aperto perché lo staff non poteva permettersi di chiudere dato l’elevato numero di feriti di guerra con urgente bisogno di cure.

Questo non è stato il primo attacco contro l'ospedale. Era già stato colpito un mese fa e costretto a chiudere. MSF ha supportato la ricostruzione urgente della struttura, che è stata chiusa per la maggior parte di giugno. L'ospedale aveva 26 posti letto e uno staff di 40 persone. Nel mese di maggio, l'ospedale ha ricevuto circa 1.000 feriti di guerra, eseguito circa 1.800 visite e 190 interventi chirurgici.

MSF supporta gli ospedali Al-Daqaq e Al Bayan dal 2014, offrendo regolarmente farmaci, forniture e attrezzature mediche. Ancora una volta chiediamo alle parti in conflitto di:

  • rispettare le regole della guerra;
  • smettere di bombardare gli ospedali e le infrastrutture civili;
  • permettere ai malati e ai feriti gravi di essere evacuati;
  • non tagliare le scorte di cibo, di farmaci e di beni vitali all’interno della città.

Notizie & Pubblicazioni correlate