19 Novembre 2013

Nonostante le gravi difficoltà logistiche, le nostre attività prendono forma. Sono 159 i nostri operatori ad oggi impegnati nelle Filippine. Centinaia di tonnellate di rifornimenti sono già arrivate sul posto. Stiamo prestando la nostra attività di soccorso nelle isole di Samar, Leyte e Panay, e abbiamo iniziato a valutare i bisogni a Masbate. Altri operatori e diversi aerei cargo contenenti aiuti umanitari sono in arrivo.

Samar

La nostra équipe di emergenza si trova nella zona est dell’isola di Samar, la prima colpita dal tifone. Ieri a Guiuan abbiamo fatto nascere il primo bambino. Finora sono state effettuate 1000 visite mediche, per lo più ferite infette, arti lesionati e lacerazioni. Abbiamo curato diversi bambini per infezioni gastro-intestinali, diarrea e infezioni del tratto respiratorio. Abbiamo visitato anche pazienti rimasti senza farmaci per malattie croniche come l'epilessia. Uno di loro ha bisogno di un'amputazione. I nostri operatori stanno lavorando con due medici filippini e ci sono molte persone della comunità che stanno volontariamente prestando tutto l’aiuto possibile.

Metà dell’ospedale di Guiuan è stato distrutto e l’altra metà è stata danneggiata quasi irrimediabilmente. Per adesso, il personale medico sta lavorando tra le macerie, ma abbiamo cominciato i lavori per allestire un ospedale da campo. 30 tonnellate di materiale e rifornimenti sono già arrivati a Guiuan. Altri aerei cargo atterreranno nei prossimi giorni, tra i quali uno contenente attrezzature igienico sanitarie e un’altro con circa 1.700 tende da distribuire come rifugi.

"A Guiuan la logistica è un incubo. L'ospedale è in gran parte distrutto ed è impossibile ricevere assistenza sanitaria” - afferma Angelo Rusconi, logista MSF“Il 99% delle case è crollato. Niente acqua da bere, gas o benzina. Alberi caduti. Comunicazioni impossibili. È estremamente difficile organizzare gli interventi di soccorso e portare alle persone gli aiuti di cui hanno bisogno. Stiamo concentrando tutti i nostri sforzi per supportare l'ospedale locale".

Leyte

Nella città di Tacloban, un’équipe di otto persone è stata rinforzata con altri infermieri, logisti e uno psicologo per montare un ospedale gonfiabile. La struttura sarà posizionata vicino l’ospedale Bethany, sul lungomare di Tacloban, che è stato gravemente danneggiato dal maremoto. Fornirà servizi medici completi che comprendono pronto soccorso, degenza, sala operatoria, reparto post-operatorio, unità ostestrica e ginelocogica, sala parto, attività psico-sociali, banca del sangue, radiologia e reparto di isolamento.

Nella città di Palo, 12 chilometri a sud di Tacloban, un’équipe di tre persone sta organizzando attività mediche di base. Nella città di Ormoc, e nei dintorni un medico, un infermiere, logisti, e uno psicologo, hanno iniziato a organizzare delle cliniche mobili presso i centri di evacuazione dove le persone si sono riunite dopo il tifone. L’équipe fornisce cure mediche di base.

Due équipe hanno condotto valutazioni sui bisogni lungo la costa orientale e occidentale dell’isola. Sulla costa occidentale, la maggior parte delle case ha subito danni strutturali , ma generalmente la situazione non è grave come nella parte orientale, dove molte delle strutture sanitarie visitate sono state danneggiate e hanno problemi di approvvigionamento.

La struttura sanitaria della città di Dulang, che ha una popolazione di circa 48.000 persone, è stata parzialmente distrutta e il personale medico segnala un aumento di pazienti con la dissenteria. L’équipe di MSF sta pianificando di distribuire generi di soccorso e supporto al la struttura medica.

Panay

Il 90% della zona nord della città di Iloilo e delle vicine isole in mare aperto è distrutto. MSF pianifica di concentrarsi sui bisogni principali come l’assistenza medica di base attraverso le cliniche mobili, e la distribuzione di generi di prima necessità. In altea parti dell’isola continua la valutazione dei bisogni, per identificare dove sia più richiesto l’intervento medico di MSF.

Dona per l'emergenza nelle Filippine

Sostieni le nostre operazioni nelle Filippine con una donazione online o chiamando il numero verde 800996655.

Notizie & Pubblicazioni correlate