9 Novembre 2010

Anche se, attraverso le analisi di laboratorio, sono stati confermati solo pochi casi legati al vibrione del colera, i sintomi dei pazienti trattati nelle strutture sanitarie sono molto preoccupanti. MSF sta trattando tutti i casi rispettando i protocolli standard per il colera, attraverso la reidratazione per via orale o intravenosa e gli antibiotici.

Da sabato 6 novembre, in tutte le quattro strutture di MSF a Port-au-Prince, le équipe hanno curato un numero crescente di casi sospetti. Queste strutture hanno più di 300 posti-letti allestiti per il trattamento del colera in specifici reparti. Nel quartiere di Sarthe, dove è già presente una centro MSF per l'assistenza post-operatoria, MSF sta costruendo un ulteriore centro per la cura del colera con una capienza di 320 posti-letto.

“Il crescente numero di casi sospetti di colera nelle nostre strutture di Port-au-Prince è allarmante”, afferma Stefano Zannini, Capo-missione di MSF a Haiti. “Il colera è una malattia curabile e che si può prevenire, specialmente una volta che i pazienti vengono curati in un ambiente controllato e isolato come un Centro per la cura del colera. La presenza di questi specifici Centri nelle aree colpite da questa malattia può alleggerire la pressione sugli ospedali e sulle strutture sanitarie locali e può ridurre il rischio di propagazione della malattia fra gli altri pazienti e in generale nella comunità locale”.

 

Per salvare le persone affette da colera, l’accesso a un trattamento immediato è essenziale, ma al contempo è importante mantenere una situazione di allerta generale rispetto alle misure necessarie per prevenire l'eventuale contagio, come ad esempio, lavarsi le mani. La creazione di punti per la reidratazione orale (generalmente costituiti da piccole o medie cisterne con acqua disinfettata e clorata) in zone cruciali di ogni quartiere e l'istallazione di Centri per il trattamento è fondamentale per evitare ulteriori decessi.

La popolazione che vive in molte delle aree colpite in città ha un accesso limitato all’ acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari necessari, che rappresentano efficaci misure di prevenzione. Nel quartiere di Cite Soleil, per esempio, MSF fornisce circa 280mila litri di acqua potabile al giorno: è una quantità di acqua sufficiente per una popolazione di 14mila persone, ma è molto al di sotto delle esigenze degli abitanti del quartiere.

“Mentre il colera e i sintomi simili a quelli del colera possono manifestarsi molto velocemente e rappresentare una minaccia per la vita delle persone, evitare morti è possibile attraverso un immediato accesso a strutture attrezzate e con personale qualificato, collocate vicino alle aree in cui si registrano i casi di colera”, dichiara Kate Alberti di Epicentre, il Centro per la ricerca epidemiologica di MSF.

MSF sta supportando due ospedali del Ministero della Salute a Port-au-Prince. A Leogane. dove MSF gestisce già un ospedale, è stato installato un Centro per la cura del colera. A Haiti MSF lavora con 3mila operatori umanitari, tra questi 75 internazionali e più di 400 operatori locali sono impegnati nelle attività di risposta al colera.

 

Le attività nel nord dell’isola.

Ad oggi le equipe di MSF hanno trattato più di 6.400 pazienti affetti da diarrea acuta, fra loro molti presentavano grave disidratazione, sintomo tipico del colera.

MSF supporta due ospedali del Ministero della Salute nella regione di Artibonite, la zona da cui ha cominciato a diffondersi il colera. Le equipe mediche lavorano nei principali ospedali di St.Marc e di Petite Riviere, supportandoli con forniture mediche, come soluzioni intravenose, cateteri, soluzione reidratanti per via orale, cloro per la disinfezione. Ma questo tipo di assistenza è necessaria sopratutto fuori dalle zone più popolate.

Per sostenere le strutture sanitarie in alcune delle aree più isolate nel nord e nel centro del paese, come a Gros Morne, MSF fornisce soluzioni intravenose, sali per la reidratazione orale e materiali igienici. Le forniture vengono distribuite anche all’ospedale della città di Port de Paix, che si trova nell’estremo nord. MSF allestisce anche Centri per il trattamento del colera a Gonaives e Bassin Bleu.

Notizie & Pubblicazioni correlate