4 Novembre 2016

Un mese dopo che l’uragano Matthew ha devastato l’area sud-occidentale di Haiti, migliaia di persone non hanno ancora ripari, cibo e acqua potabile a sufficienza. Alcuni villaggi remoti rimangono tuttora isolati e irraggiungibili. L’organizzazione medico-umanitaria MSF è preoccupata che la combinazione di mancanza di ripari, acqua potabile, cibo e accesso alle cure porti a un deterioramento dello stato di salute generale della popolazione. “Siamo particolarmente allarmati dall’aumentato rischio di malattie infettive, colera e di un livello nutrizionale molto basso nei bambini al di sotto dei 5 anni di età nelle aree isolate colpite dall’uragano” dichiara Chiara Burzio, coordinatrice medica dell’emergenza per MSF

Le équipe di MSF hanno riscontrato chiari segnali della scarsità di cibo: la maggior parte delle coltivazioni sono state distrutte o inondate e la gran parte del bestiame è disperso o deceduto. “Nel corso delle visite mediche, i nostri pazienti ci raccontano che non sanno come sfamare le proprie famiglie”, afferma Emmanuel Massart, coordinatore del progetto MSF nel dipartimento di Grand Anse. “Durante l’uragano, le famiglie hanno perso il bestiame, gli alberi da frutto e tutte le provviste, e ciò che rimane è in decomposizione a causa dell’esposizione alle piogge”. Nei dipartimenti di Sud e Grand Anse, MSF ha iniziato a monitorare lo stato nutrizionale dei bambini al di sotto dei 5 anni di età per curarli, se necessario, con cibo terapeutico pronto all’uso. 

L’uragano ha spazzato via i tetti della maggior parte delle case nel sud-ovest del Paese e ha danneggiato riserve d’acqua, pozzi e sorgenti. Le forti piogge hanno poi ulteriormente danneggiato le poche case ancora in piedi. “Intere famiglie hanno perso le proprie abitazioni e vivono in baracche temporanee o condividono con altre famiglie spazi sovraffollati”, spiega Renate Sinke, coordinatore di progetto nel dipartimento di Nippes

I villaggi remoti, già difficili da raggiungere prima dell’uragano, adesso sono pressoché irraggiungibili.  “Le due strade che portano al distretto di Baradères sono attualmente isolate.

Le persone non possono raggiungere o lasciare il distretto. I rifornimenti e l’assistenza medica non riescono a raggiungere i villaggi”, sottolinea Sinke. Mentre il numero di pazienti con sospetto di colera nel Centro per il trattamento del colera (CTC) di MSF a Port à Piment è diminuito a 6 pazienti il 25 ottobre, la città vicina di Chardonnières ha riferito di 40 casi sospetti durante la stessa giornata. 

A un mese di distanza alla risposta emergenziale nelle aree colpite dall’uragano, le équipe di MSF hanno:

- visitato più di 2500 pazienti in 27 villaggi. Nel dipartimento di Nippes, le malattie più comuni trattate sono diarrea, infezioni gastrointestinali, urinarie e del tratto respiratorio superiore. Nel dipartimento di Sud e Grand Anse, le équipe mediche continuano a curare molte ferite;

- trasferito 10 pazienti in elicottero a Port au Prince: 9 persone nel centro per traumatologia d'urgenza e chirurgia ortopedica nel quartiere di Tabarre e una persona al centro specializzato nella cura delle ustioni gravi.

- distribuito ripari temporanei a 1.400 famiglie nel dipartimento di Sud.

- aperto 2 centri per il trattamento del colera (CTC) a Port à Piment e Baradères e curato 229 pazienti sospettati di soffrire di colera.

- fornito formazione e supporto per potabilizzazione e igiene a 6 CTC nel dipartimento di Grand Anse e 1 CTC nel dipartimento di Nippes.

- installato 4 serbatoi di acqua nel dipartimento di Grande Anse e 1 in quello di Port à Piment, ognuno dei quali fornisce 15mᶟ di acqua potabile al giorno.

- distribuito 900.000 kit per la potabilizzazione dell’acqua nel dipartimento di Sud e rinforzato le proprie attività di sorveglianza del colera in 10 province del paese. 

Notizie & Pubblicazioni correlate