30 Gennaio 2017

L’ordine esecutivo del presidente Donald Trump, che sospende il programma di reinsediamento dei rifugiati negli Stati Uniti, è un atto disumano contro persone che fuggono da zone di guerra. Chiediamo l'immediato ripristino del programma.

 

“Le nostre equipe sul terreno vedono ogni giorno persone che cercano disperatamente sicurezza di fronte a frontiere chiuse o confinate in zone di guerra da cui non possono fuggire” afferma Jason Cone, direttore esecutivo di MSF negli USA. “Sbarrare le porte degli Stati Uniti, dove per anni l’ingresso dei rifugiati è stato rigorosamente controllato, mina il concetto basilare che le persone devono poter fuggire per salvarsi la vita.”   

 

Il divieto di ingresso a tempo indeterminato per i siriani è particolarmente deleterio per milioni di persone che sono fuggite a violenze agghiaccianti. Quasi 5 milioni di siriani sono fuggiti in paesi confinanti, come il Libano e la Giordania, che hanno meno abitanti di molti stati americani, mentre tutti gli Stati Uniti ne hanno accolti finora meno di 20.000. Molti altri siriani sono ancora bloccati nel proprio paese, di cui decine di migliaia nel deserto vicino alla frontiera chiusa con la Giordania e in altre zone di frontiera in tutta l’area.

 

Di fatto, l’ordine esecutivo di Trump condannerà molte persone a restare bloccate in zone di guerra, mettendo direttamente in pericolo le loro vite.  

 

Ogni giorno le équipe di MSF impegnate sui diversi fronti della crisi globale dei rifugiati testimoniano le situazioni di estrema avversità cui sono esposti rifugiati e sfollati. In zone di guerra come Siria, Iraq, Afghanistan, Yemen, Sud Sudan e Repubblica Democratica del Congo, queste avversità comprendono attacchi contro civili e infrastrutture civili (ospedali inclusi), blocco degli aiuti umanitari, politiche che impediscono l’evacuazione delle persone. In Europa, le politiche dei muri e della deterrenza hanno portato a barriere burocratiche e frontiere chiuse che costringono le persone a condizioni di vita inaccettabili e pericolosi viaggi per attraversare il Mediterraneo.
“I rifugiati sono madri, padri e bambini che vogliono quello che vogliamo tutti: un posto sicuro dove vivere le loro vite, lontani da guerre e persecuzioni” afferma Cone di MSF. “Sono rifugiati per cause indipendenti dal loro controllo. Chiediamo al governo USA di abolire questi divieti, riavviare il programma di reinsediamento dei rifugiati e porre fine alle misure selettive contro i cittadini di specifici paesi, dove il nostro personale è spesso presente e testimonia in prima persona l’estrema violenza da cui queste persone stanno cercando di fuggire.”   

 

Secondo l’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati (UNHCR), nel mondo ci sono al momento più di 65 milioni di sfollati, la cifra più alta mai registrata dalla Seconda Guerra Mondiale.