5 Agosto 2015

Dopo giorni di intense piogge in tutto il Myanmar dopo il passaggio del ciclone Komen, Medici Senza Frontiere (MSF) sta lavorando a fianco delle autorità governative locali per fornire supporto medico e umanitario a migliaia di persone colpite dall’alluvione. Lo stato di Rakhine, dove MSF gestisce diversi progetti sanitari, è una delle zone più criticamente colpite.

“L’intera cittadina di Minbya è inondata – scuole, ospedali, tutto” ha detto il Dott. Zayar, membro dell’équipe di MSF inviata in città su richiesta del Dipartimento di Sanità Pubblica, del Comitato di Coordinamento delle Emergenze e di altri gruppi della comunità. “Anche tutte le fonti di acqua potabile sono state inondate.”

Più di 4000 persone sfollate a Minbya sono state accolte in 23 monasteri. Sebbene i bisogni medici urgenti sembrino limitati al momento, abitazioni e infrastrutture presentano danni diffusi e l’acqua potabile è stata contaminata. In collaborazione con le autorità e i leader della comunità, MSF ha inviato via mare acqua potabile, coperte, zanzariere e prodotti per l’igiene personale, da destinare alle persone sfollate.

A Sittwe, la capitale dello stato di Rakhine, il Ministero della Sanità e MSF hanno fornito cure mediche in un monastero in cui molte persone sfollate a causa dell’alluvione hanno trovato riparo.

Nel distretto di Maungdaw, nel nord dello stato di Rakhine, MSF sta conducendo valutazioni sui bisogni della popolazione e fornisce assistenza medica alle persone coinvolte attraverso cliniche mobili supplementari nelle zone più interessate. C’è urgente bisogno di ripari e MSF sta lavorando per portare teloni di plastica in città.

Nel frattempo l’équipe di MSF che si trova nelle vicinanze del distretto di Buthidaung riferisce di una situazione di devastazione su larga scala. La strada di accesso è inagibile a causa degli smottamenti. Il team sta cercando soluzioni alternative, come l’accesso via fiume partendo da Sittwe.

MSF ha offerto la propria disponibilità a fornire assistenza in altre aree del paese qualora il Ministro della Salute lo richiedesse, anche al di fuori delle aree dei propri progetti nel paese.

Le nostre attività nel Paese

MSF lavora in Myanmar dal 1992. Al momento porta avanti progetti sanitari negli stati di Rakhine, Shan e Kachin, oltre che nella regione di Thanintharyi e a Yangon. MSF offre servizi nel campo dell’assistenza sanitaria di base, della salute riproduttiva, dei trattamenti d’urgenza e della malaria. A partire dal 2004, MSF ha trattato per la malaria più di 1,2 milioni di persone nel solo stato di Rakhine. MSF è anche la più grande organizzazione che si occupa di HIV/AIDS in tutto il Myanmar, avendo trattato ad oggi più di 35.000 casi a livello nazionale, così come altre 3.000 persone per tubercolosi. MSF ha anche una vasta esperienza per quello che riguarda la risposta alle calamità naturali; a seguito del ciclone Nargis, nel 2008, ha garantito assistenza a 460.000 persone.

Notizie & Pubblicazioni correlate