27 Novembre 2017

Più di 300mila persone vivono nelle baraccopoli affollate di Tondo, vicino a Manila, la capitale delle Filippine. Qui ci sono pochissimi medici, se ne conta uno ogni 36.000 abitanti.

Qui MSF ha lanciato una campagna di vaccinazione su larga scala per immunizzare 25mila giovani ragazze contro il papilloma virus (HPV), una delle cause principali del cancro della cervice uterina.

Nei labirinti delle baraccopoli

Nelle Filippine muoiono 12 donne ogni giorno a causa del cancro alla cervice. Nel 2015, il governo ha aumentato gli sforzi per combattere la malattia, dando priorità alle regioni più povere del Paese. Manila, una città dove il divario e le differenze tra ricchi e poveri sono enormi, è una di queste.  

Con il sostegno dell’associazione locale Likhaan, MSF ha organizzato le prime vaccinazioni a Febbraio del 2017. Più di 25mila ragazze tra i 9 e i 13 anni hanno ricevuto la prima dose del vaccino che, per essere efficace, ha bisogno di una seconda dose dopo sei mesi.

Le baraccopoli di Tondo assomigliano a labirinti e molti degli abitanti conducono una vita imprevedibile. Capita spesso che le persone si spostino improvvisamente a seconda delle condizioni di vita ed economiche.

Manila è una delle città più popolose al mondo con oltre 70.000 abitanti per chilometro quadrato. E sebbene i nomi di alcune baraccopoli possano suonare in modo pittoresco, sono lo specchio delle difficoltà della popolazione.

Una si chiama "Happyland", un gioco di parole che parte da “hapilan”, che significa "discarica" ​​in lingua locale. Un'altra si chiama "Aroma", evocando i forti odori che si diffondono dalle montagne di spazzatura che circondano la baraccopoli.

La maggior parte delle abitazioni- e degli abitanti- non hanno un indirizzo ufficiale. Magazzini vasti e dismessi sono diventati rifugi di fortuna per centinaia di famiglie. In questo caos, cercare 25mila ragazze all’inizio dell’anno era una vera sfida. Rintracciarle dopo sei mesi per la seconda dose è stata una sfida ancora più ardua.

In questo caso la conoscenza delle baraccopoli dell’associazione Likhaan si è dimostrata vitale.

Mobilitare le comunità

Insieme a Likhaan, MSF ha portato avanti una campagna di informazione su larga scala. Likhaan ha supportato campagne per la salute delle donne e di pianificazione familiare nelle Filippine per oltre 20 anni. Gli obiettivi della campagna erano di sensibilizzare le famiglie e incoraggiare le giovani donne a ritornare per la loro seconda dose di vaccino. Gli assistenti sociali locali hanno percorso chilometri di strade per raggiungere il maggior numero possibile di ragazze. 

Hanno organizzato inoltre una campagna di SMS destinata agli oltre 10.000 numeri di telefono registrati durante la prima campagna di vaccinazione, per ricordare di tornare per una seconda dose del vaccino.  Infine, hanno organizzato delle sessioni educative nelle baraccopoli per ricordare alle persone l’importanza di questa vaccinazione, oltre alle loro usuali sessioni sulla salute riproduttiva e pianificazione familiare.

Dopo settimane di duro lavoro, il team è riuscito a raggiungere un risultato che è andato oltre le più rosee aspettative:  quasi il 90% delle ragazze ha ricevuto la seconda iniezione. In questo tipo di campagne- dove i pazienti devono recarsi da soli alle cliniche- si riesce generalmente a coinvolgere di nuovo tra il 60% e il 70% di chi ha già ricevuto la prima dose.

Sconfiggere il cancro

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda la vaccinazione alle ragazze sotto i 15 anni per ridurre il numero di casi di cancro della cervice uterina durante la crescita. Nel 2011, il governo filippino ha integrato la vaccinazione HPV nel sistema nazionale e poi lo ha esteso nel 2015, ma le donne più grandi, per le quali il vaccino non esisteva quando erano adolescenti, hanno molte più probabilità di contrarre la malattia.

MSF e Likhaan hanno anche istituito programmi di screening e trattamento. Le loro équipe forniscono informazioni sul cancro alla cervice e forniscono consultazioni e trattamenti gratuiti nella loro clinica di Tondo, così come nella loro clinica mobile: un furgone che fa la spola tra i distretti più poveri di Manila per raggiungere il maggior numero possibile di donne.

Lo screening di routine dura solo 3 minuti. Le donne con cellule precancerose sono immediatamente trattate con la crioterapia, mentre le donne che si sospettano essere ad uno stadio più avanzato della malattia vengono indirizzate all’ospedale per la diagnosi. Gli operatori supportano queste donne in ogni stadio del processo

Oltre 1200 donne hanno effettuato il controllo tra gennaio e settembre 2017

Notizie & Pubblicazioni correlate