21 Novembre 2016

In Tanzania, centinaia di migliaia di rifugiati vivono in condizioni critiche perché i campi che li accolgono hanno ormai raggiunto la capacità massima. Negli ultimi quattro mesi la percentuale di persone in fuga dalla crisi in Burundi è quasi quintuplicata. Ora quasi duecentocinquantamila rifugiati burundesi e congolesi sono stipati in tre campi sovraffollati, mentre è in stallo il dibattito sull’apertura di un quarto campo.

“Si prevede che entro la fine dell’anno il numero complessivo dei rifugiati nei tre campi superi le 280.000 persone in quella che si  sta trasformando in una delle più grandi crisi di rifugiati in Africa”, dichiara David Nash, capo missione MSF.

Tuttavia, nonostante i ripetuti avvertimenti di MSF, poco è stato fatto per aumentare l'assistenza. Il campo di Nduta, dove sono inviati i rifugiati appena arrivati, è ora pieno. Ogni mese, in Tanzania arrivano quasi 10.000 rifugiati dal Burundi e nel mese di ottobre ne sono arrivati altri 850 dalla Repubblica Democratica del Congo.

Negli ultimi mesi, a causa della mancanza di fondi, sono stati minacciati tagli alla distribuzione di generi alimentari. Nel mese di ottobre, il Programma Alimentare Mondiale aveva annunciato ufficialmente un taglio delle razioni alimentari di circa il 60% dell'apporto nutrizionale giornaliero raccomandato, un intervento evitato solo grazie a una donazione dell'ultimo minuto. Dato che il numero di rifugiati è in aumento, il rischio di ulteriori tagli nel prossimo futuro è una preoccupazione incombente.

Anche la malaria, endemica nella Tanzania occidentale, è un rischio per i rifugiati. Tra gennaio e agosto 2016, le équipe di MSF a Nyarugusu e Nduta hanno trattato 72.644 casi di malaria, gran parte dei quali con complicazioni: “Con la stagione delle piogge in arrivo, ci aspettiamo un altro picco della malattia tra i rifugiati”, prosegue David Nash. “Le condizioni di sovraffollamento e di igiene precarie accrescono il problema. Indeboliti dal viaggio, le donne incinte e i bambini sono poi particolarmente vulnerabili”. 

“L'attuale risposta umanitaria, soprattutto in termini di ripari, acqua e igiene, non è in grado di tenere il passo con il numero enorme di persone in arrivo”, conclude David Nash. “I disordini in Burundi non sembra cesseranno a breve,per cui è fondamentale intensificare rapidamente l'impegno internazionale per l’assistenza umanitaria. Il governo della Tanzania, che ha tenuto aperti i confini per rispondere a questa crisi, non avrebbe dovuto assumersene la responsabilità da solo”.

Il primo afflusso di rifugiati burundesi in Tanzania è iniziato nel mese di maggio 2015. Si sono stabiliti nel campo di Nyarugusu, che già ospitava circa 60.000 rifugiati congolesi. A causa del rapido sovraffollamento di Nyarugusu, sono stati aperti altri due campi: Nduta nel mese di ottobre 2015 e Mtendeli a gennaio 2016. Un quarto centro non è ancora stato identificato. 

MSF lavora in Tanzania dal maggio 2015. Attualmente, le équipe operano nei campi di Nyarugusu e Nduta. A Nyarugusu, MSF gestisce un pronto soccorso da 60 posti letto, tre cliniche per la malaria e fornisce supporto alla salute mentale. MSF distribuisce anche 180.000 litri di acqua al giorno. A Nduta, MSF è il principale fornitore di assistenza medica con un ospedale da 110 posti letto, quattro centri sanitari e fornisce supporto alla salute mentale.

Notizie & Pubblicazioni correlate