5 Ottobre 2017

A seguito della riduzione del numero di barconi che raggiungono le acque internazionali nel Mar Mediterraneo, MSF ha deciso di ridurre le proprie attività in mare e terminare le operazioni di ricerca e soccorso della nave Prudence.

MSF manterrà la propria presenza nel Mediterraneo centrale attraverso la nave Aquarius, gestita in collaborazione con SOS Mediterranee, e continuerà ad occuparsi di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in stato di necessità, nei propri progetti in Libia e in Italia.

Continuiamo a esprimere grande preoccupazione per la situazione delle persone intrappolate, intercettate o riportate in Libia, dove sono a rischio di abusi e violenze, e continueremo a valutare regolarmente l’evolversi della situazione e i bisogni umanitari delle persone in questo contesto volatile e incerto. 

Notizie & Pubblicazioni correlate