Paesi

2 Ottobre 2014

Un anno dopo il tragico naufragio al largo delle coste di Lampedusa, guerre come quella in Siria e crisi prolungate come quella che ha investito la Libia continuano a spingere un numero senza precedenti di profughi in Europa. MSF, che sulle coste siciliane vede pazienti sempre più vulnerabili, esorta l’Unione Europea a proseguire le attività di ricerca e soccorso per salvare vite umane nel Mediterraneo e a trovare un modo per consentire a chi fugge da zone di conflitto di cercare rifugio in Europa.