Paesi

Argomento

11 Luglio 2018

AI SIGG.RI PREFETTI DELLA REPUBBLICA

AI SIGG. COMMISSARI DEL GOVERNO DELLE PROVINCE AUTONOME

TRENTO E BOLZANO

AL SIG.PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA

AOSTA

AL SIGNOR PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PER IL DIRITTO D’ASILO

AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI E SEZIONI TERRITORIALI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

 

E p.c. AL SIG. CAPO DI GABINETTO

5 Luglio 2018

Dalla denuncia graffiante di Makkox e Mauro Biani alle emozioni di Alessandro Gottardo, dal tratto poetico di Fernando Cobelo alle linee geometriche di Fonzy Nils e allo stile concettuale e surreale di Emiliano Ponzi. Le T-shirt #Umani raccontano con l’arte l’essenza dell’azione umanitaria: esiste un solo aiuto, quello che non fa differenze.

29 Giugno 2018

I governi europei devono ritrovare il buon senso e mettere fine alle politiche che costringono le persone a rimanere intrappolate in Libia o a morire in mare, è l’appello lanciato da MSF in occasione del Consiglio europeo. Con 220 persone morte annegate, la settimana scorsa si è registrato il maggior numero di morti nel Mediterraneo dall’inizio dell’anno.

26 Giugno 2018

Nonostante siano contrari al diritto internazionale, la tortura, i maltrattamenti e gli abusi sono ancora oggi utilizzati in molti paesi del mondo e la comunità medica globale resta in gran parte impreparata nel riconoscere tra i pazienti i sopravvissuti a queste orribili pratiche.

20 Giugno 2018

Allo sbarco della Nave Diciotti, ieri notte a Pozzallo, la nostra équipe di psicologi e mediatori culturali ha fornito primo soccorso psicologico alle persone soccorse, tra cui alcuni dei sopravvissuti all’ultimo naufragio nel Mediterraneo, recuperati dalla nave americana nove giorni fa e finalmente giunti a terra. Le prime testimonianze raccolte sul naufragio parlano di oltre 100 persone partite dalla Libia sullo stesso gommone, ma soltanto 41 arrivate in Italia. Almeno 60 avrebbero quindi perso la vita, tra cui i dodici i cadaveri lasciati in mare.

17 Giugno 2018

In seguito allo stallo politico di questa settimana sul destino delle 630 persone soccorse nel Mediterraneo, Medici Senza Frontiere (MSF) denuncia la chiusura dei porti da parte dell'Italia e la decisione dei governi europei di preferire i calcoli politici al salvataggio di vite in mare. 

14 Giugno 2018

Continua la navigazione verso Valencia della nave Aquarius, gestita in collaborazione da MSF e SOS Mediterranee, che al momento si trova a circa 30 miglia nautiche al largo della Sardegna con 106 persone soccorse rimaste a bordo, dopo il trasferimento di 523 persone sulle navi italiane. Le condizioni meteo sono state molto dure durante la notte, con onde fino a 4 metri e vento a 35 nodi.

14 Giugno 2018

Una nostra équipe, composta da psicologi e mediatori culturali, ha svolto ieri un intervento di Primo Soccorso Psicologico (PFA) rivolto alle persone sbarcate al porto di Catania dalla nave della Guardia Costiera italiana Diciotti. L’équipe ha assistito le persone più vulnerabili, tra cui donne incinte o chi ha vissuto eventi traumatici in mare, come la morte di alcuni compagni di viaggio.

12 Giugno 2018

Esprimiamo i nostri più profondi ringraziamenti a tutti quelli che in queste ore difficili ci hanno espresso la loro solidarietà per le vicende legate alla preoccupante situazione della nave Aquarius e dei suoi 629 ospiti a bordo. E' per noi un incoraggiamento e un’importante manifestazione di vicinanza.

12 Giugno 2018

Chiediamo agli Stati membri dell’Unione Europea di facilitare lo sbarco immediato delle 629 persone soccorse nel fine settimana nel Mediterraneo e ora a bordo della Aquarius. La nave si trova ancora al largo delle coste di Malta e Italia, i paesi che dispongono dei porti sicuri più vicini e che stanno fornendo approvvigionamenti, ma che continuano a negare l’autorizzazione a sbarcare.

Pagine