Previous
  • MSF Mediterranean Search and Rescue Operation II

    A partire da maggio, abbiamo avviato per la prima volta attività di ricerca e soccorso in mare. Un’operazione decisa in via straordinaria per far fronte al drammatico aumento di persone recuperate - e decedute – quest’anno nel Mediterraneo.

Seguente

Paesi

Argomento

3 Luglio 2015

MSF condanna la violenta irruzione di membri armati delle forze speciali afghane nel centro traumatologico dell'organizzazione a Kunduz, in Afghanistan. L'incidente è una violazione inaccettabile del diritto internazionale umanitario, che protegge le strutture e le attività mediche dagli attacchi.

2 Luglio 2015

Con il crescere delle tensioni in Libia orientale è aumentata la necessità d’intervento medico. Il conflitto nella regione si è esteso al di fuori della città di Benghazi, scenario di scontri armati da più di un anno, per spostarsi a Derna, roccaforte dello Stato Islamico (IS) nella zona, dove gli scontri sono iniziati tre settimane fa.

1 Luglio 2015

Jasmin Mohammed Ali, 26 anni, insegnante della scuola primaria di Qatabah e sua sorella Asia Mohammed Ali, 25 anni, parlano della loro vita quotidiana a Qatabah, in Yemen, da quando è scoppiato il conflitto.

26 Giugno 2015

Pesanti scontri tra forze di sicurezza afgane e gruppi di opposizione armata nella provincia nord-orientale di Kunduz hanno causato un picco di feriti al centro traumatologico MSF nella città di Kunduz. Dal 20 al 23 giugno le équipe mediche di MSF hanno curato 77 pazienti, feriti direttamente dai combattimenti, di cui un terzo erano donne e bambini.

26 Giugno 2015

A commento del Consilgio Europeo sulla migrazione, MSF chiede un ripensamento radicale delle politiche migratorie, perché i bisogni delle persone coinvolte siano al centro degli sforzi per affrontare questa crisi.

23 Giugno 2015

Di fronte al picco di sofferenza umana creato ai confini dell’Europa, lanciamo un appello ai leader europei perché ripensino in modo radicale le proprie politiche migratorie, per offrire vie legali e sicure a chi cerca protezione in Europa.

23 Giugno 2015

Di fronte al picco di sofferenza umana creato ai confini dell’Europa, dove migliaia di persone rischiano la vita in cerca di sicurezza senza ricevere un’assistenza adeguata, MSF denuncia le vergognose conseguenze dell’inazione degli stati membri dell’Unione Europea, che stanno ignorando le proprie responsabilità umanitarie. E lancia un appello ai leader europei perché ripensino in modo radicale le proprie politiche migratorie, per offrire vie legali e sicure a chi cerca protezione in Europa.

19 Giugno 2015

Quest’anno c’è stato un forte aumento del numero di persone fuggite da guerre, violenze e povertà nei loro paesi d'origine e arrivate in Grecia, in particolare nelle isole del Dodecaneso. Dall'inizio di quest'anno, più di 46.000 rifugiati sono arrivati nelle isole greche dalla Turchia, attraversando il mare nei gommoni. Più di 14.000 rifugiati sono sbarcati sulle isole del Dodecaneso.

19 Giugno 2015

Altri due ospedali attaccati con barili bomba negli ultimi giorni, almeno dieci da maggio.

17 Giugno 2015

Tragico incidente durante le operazioni di salvataggio della nave Argos. Lunedì 15 giugno, almeno una persona è deceduta nel corso delle attività di ricerca e soccorso condotte dalla nave Bourbon Argos, l’imbarcazione utilizzata da MSF per le attività di ricerca e soccorso in mare nel Mar Mediterraneo.

Pagine