Previous
  • Ebola Frontline - Kailahun, Sierra Leone

    La risposta internazionale contro l’Ebola in Africa occidentale è stata lenta e frammentaria e ha lasciato la maggior parte dell’azione concreta alle comunità locali, ai governi nazionali e alle ONG. Appello di MSF perché la comunità internazionale non fallisca due volte, con una risposta lenta nella prima fase e inadeguata nelle successive.

  • Donka Ebola treatment centre in Conakry, Guinea.

    Il possibile contagio di operatori umanitari impegnati nella lotta contro l’Ebola in Africa occidentale sta creando comprensibili preoccupazioni nelle società dei paesi d’origine. MSF vuole rassicurare il pubblico sulle precauzioni e i protocolli in atto per garantire la maggiore sicurezza possibile per i pazienti e per il nostro staff.

Seguente

Paesi

18 Dicembre 2014

Come parte del piano di risposta all’emergenza Ebola in Africa occidentale, abbiamo effettuato la più grande distribuzione di farmaci antimalarici di sempre in Sierra Leone con la collaborazione del Ministero della Salute.

15 Dicembre 2014

Con gli insediamenti invernali nell’Ucraina orientale, MSF continua a supportare gli ospedali su entrambi i lati del fronte, e sta rinforzando l’assistenza psicologica per aiutare le persone che vivono nelle aree più duramente colpite.

12 Dicembre 2014

Il rischio, la paura, la speranza quando si affronta l'Ebola. La testimoninaza di Alessia, infermiera MSF.

5 Dicembre 2014

La nostra infermiera Chiara racconta "una giornata difficile", solo una delle tante che ha affrontato nel Centro MSF per il trattamento dell'Ebola a Monrovia.

5 Dicembre 2014

Negli ultimi due anni la situazione è peggiorata, le ultime strutture sanitarie rimaste aperte sono state saccheggiate, il personale sanitario del Ministero della Salute non è retribuito da mesi o è fuggito a causa dell’insicurezza generale.

4 Dicembre 2014

Sono le 4 del mattino. Svegliata da una chiamata al cellulare, l’equipe di Medici Senza Frontiere (MSF) si dirige d’urgenza verso il reparto di maternità. Il distretto di Dasht-e-Barchi, nella parte occidentale di Kabul, dorme ancora, ma nell’ospedale c’è un gran trambusto. Un misto tra urgenza, ansia ed eccitazione è palpabile nell’aria. È comprensibile. Quando l’equipe di MSF ha messo piede per la prima volta nell’ospedale all’inizio dell’anno, il nuovissimo reparto di maternità con 42 posti letto non era che un edificio vuoto.

3 Dicembre 2014

Migliaia di rifugiati che sbarcano in Grecia, sulle coste delle Isole Egee, sono accolti da un sistema di ricezione che non funziona, in condizioni disumane.

2 Dicembre 2014

La risposta internazionale contro l’Ebola in Africa occidentale è stata lenta e frammentaria e ha lasciato la maggior parte dell’azione concreta alle comunità locali, ai governi nazionali e alle ONG. Appello di MSF perché la comunità internazionale non fallisca due volte, con una risposta lenta nella prima fase e inadeguata nelle successive.

2 Dicembre 2014

Massimo ci scrive dal Centro per il Trattamento dell'Ebola di Kailahun in Sierra Leone e racconta una storia triste e, purtroppo, non nuova.

26 Novembre 2014

Alessia, infermiera MSF, è appena tornata da Monrovia. Nel blog ci racconta la storia di Momodu e di come ha sconfitto l'Ebola.

Pagine