Previous
  • Gli operatori umanitari italiani hanno dato, come sempre, un importante contributo sul campo. Ma altrettanto fondamentale è il sostegno dei tanti donatori privati: solo grazie a loro, a voi, possiamo portare avanti la nostra azione in modo indipendente, neutrale e imparziale. Oggi più che mai, il vostro supporto è essenziale.

  • Abbiamo portato il dramma della migrazione dal Mediterraneo al red carpet della Festa del Cinema di Roma. Ieri la sfilata di artisti è stata bruscamente interrotta: riflettori spenti, immagini di naufragi proiettate sull’Auditorium, i suoni drammatici di un salvataggio in mare, mentre 50 volontari di MSF con addosso un giubbotto di salvataggio hanno riempito il red carpet.

  • Childbirth on board of Dignity I

    Collins, una donna camerunese di 25 anni, è stata soccorsa domenica dalla nave Dignity I, una delle due navi di MSF impegnate in attività di Ricerca e Soccorso nel Mediterraneo. 240 persone erano state soccorse la stessa mattina. Collins, incinta di 9 mesi, era a bordo di uno dei due gommoni, insieme a 120 persone, tra cui 6 bambini.

  • Video dal gommone della Dignity1 che ha partecipato ai soccorsi.

Seguente

Paesi

3 Febbraio 2016

Secondo uno studio condotto su più di 2.000 bambini da MSF e dal suo centro di ricerca Epicentre, l’uso routinario di antibiotici nel trattamento della malnutrizione acuta grave ha un impatto minimo sulle possibilità di recupero. Lo studio è stato pubblicato oggi sul New England Journal of Medicine.

3 Febbraio 2016

Molti civili continuano a vivere a Saada, nel nord dello Yemen, nonostante i quotidiani attacchi aerei nella zona. La testimonianza del nostro operatore Michael Seawright , che è stato recentemente coordinatore dei progetti MSF nella regione dilaniata dalla guerra.

3 Febbraio 2016

L’attore e conduttore televisivo Flavio Insinna ha donato la propria barca “Roxana”, un natante veloce di 14,80 metri, a MSF, a supporto delle attività di soccorso e assistenza in mare lungo le rotte della migrazione verso il continente europeo.

30 Gennaio 2016

Gli abitanti della città assediata di Madaya continuano a morire di fame, nonostante la fornitura di aiuti con i convogli umanitari, perché la coalizione guidata dal governo siriano blocca l’arrivo di forniture mediche salvavita alla città, dichiara MSF.

28 Gennaio 2016

Cinque anni di guerra, l'instabilità politica e la mancanza di strutture sanitarie hanno lasciato molti feriti di guerra siriani in una situazione di vulnerabilità che li ha indotti a intraprendere un lungo percorso, dalla chirurgia d'urgenza alla riabilitazione, per ricostruire i loro corpi e le loro menti.

27 Gennaio 2016

Jamal Afshar ha 34 anni ed è originario dell’Afghanistan. Dopo un lungo viaggio per fuggire dal proprio paese, lavora oggi come  mediatore culturale MSF a Gorizia.

 

27 Gennaio 2016

Dal 22 dicembre, quando abbiamo inaugurato a Gorizia lo spazio dell’area di San Giuseppe messo a disposizione dalla Caritas – abbiamo ospitato più di 200 persone. Sono richiedenti asilo originari di Pakistan e Afghanistan. Le loro storie.

26 Gennaio 2016

MSF mette in evidenzia cinque malattie che rappresentano una sempre maggiore minaccia alla salute e che potrebbero potenzialmente trasformarsi in epidemie nel corso del 2016: colera, malaria, morbillo, meningite e un gruppo di malattie spesso trascurate, diffuse da virus e parassiti.

26 Gennaio 2016

MSF sta lavorando al nuovo sito per rifugiati a Grande-Synthe, in Francia. “A Grande-Synthe ora ci sono più di 2.500 persone che dormono all’addiaccio nel fango, esposti a freddo ed umidità in condizioni spaventose e insalubri. Hanno bisogno di un rifugio e di un ambiente più accettabile dove vivere”, spiega André Jincq, vice responsabile del progetto di MSF.

25 Gennaio 2016

Secondo MSF il conflitto in Yemen si sta combattendo con un totale disprezzo per le regole della guerra. Le attività mediche di MSF in Yemen sono state attaccate quattro volte in meno di tre mesi, e ogni incidente è stato più grave del precedente.

Pagine