Previous
  • Una settimana di pesanti violenze, accompagnata dal blocco che impedisce tutti i rifornimenti vitali in Yemen, mostra ancora una volta l’assoluto disprezzo delle parti in guerra nei confronti della popolazione civile, dei pazienti e delle strutture mediche nel Paese.

  • Per il secondo inverno consecutivo, le autorità greche tengono intrappolate migliaia di uomini, donne e bambini nelle isole greche, abbandonandoli sull’orlo di una crisi umanitaria.

    Per rispondere a questa crisi, abbiamo intensificato il nostro intervento umanitario d’emergenza nel Paese. Allo stesso tempo, lanciamo un nuovo appello all’Europa e alle autorità greche affinché queste persone vengano al più presto ricollocate sulla parte continentale della Grecia.

  • La crisi umanitaria a Cox’s Bazar, in Bangladesh, non accenna a diminuire. Dal 25 agosto più di 620.000 Rohingya sono fuggiti dal Myanmar per raggiungere il paese vicino. Questi arrivi si sono aggiunti alle centinaia di migliaia di Rohingya che avevano lasciato il proprio paese negli anni scorsi e vivevano già in condizioni precarie. La testimonianza di Elena dal cuore di una crisi.

  • Da quattro giorni, la Coalizione guidata dall’Arabia Saudita non autorizza più i nostri voli verso lo Yemen, ostacolando direttamente la capacità di fornire assistenza medico-umanitaria salvavita a una popolazione già stremata. Chiediamo alla Coalizione di consentire immediato accesso al Paese, affinché l'assistenza possa raggiungere i più bisognosi.

Seguente

Paesi

20 Giugno 2017
In Uganda, MSF assiste le vittime di violenza sessuale e di genere nei campi profughi di Bidibidi e Imvepi, dove un numero crescente di rifugiati Sud Sudanesi necessità di questo tipo di supporto. Marie-Anne Henry lavora come ostetrica nei due insediamenti da aprile di quest’anno. 
 
Perché è stato necessario intervenire in questo ambito?
 
20 Giugno 2017
L’Uganda è il paese africano che ospita il maggior numero di rifugiati, ma l’assistenza umanitaria resta largamente insufficiente. MSF chiede alla comunità internazionale di mobilitarsi affinché i rifugiati in Uganda, che sono oltre il triplo delle persone arrivate in Europa attraverso il Mediterraneo nel corso del 2016, ricevano cibo, acqua e altri beni di prima necessità per evitare l’insorgenza di un’emergenza sanitaria.
 
18 Maggio 2017

L’Uganda accoglie più rifugiati rispetto a quanti l’Europa abbia concesso asilo nel 2016. L’alto afflusso di rifugiati sud sudanesi sta progressivamente mettendo a dura prova la capacità di risposta del governo ugandese e spingendo al collasso i luoghi di accoglienza.

18 Maggio 2017

La testimonianza di Nola Aniba Tito, 27 anni, una delle interpreti che lavorano nel centro sanitario di MSF nell’area Ofua 3, all’interno del campo rifugiati Rhino, nel nord-ovest dell'Uganda.

20 Giugno 2016

Le ultime notizie del mese dalle principali emergenze del momento: ricerca e soccorso in mare, ospedali sotto attacco in Siria, A Fair Shot, HIV/AIDS in Uganda, la catena logistica di MSF, l'impatto del conflitto sul sistema sanitario della Libia.

10 Settembre 2014

Matteo e Irene sono appena tornati da una lunga missione nel nord dell’#Uganda, in un progetto di assistenza e cura per malati di HIV, Tubercolosi e Tubercolosi multiresistente.

18 Aprile 2014

Il flusso di rifugiati verso l’Uganda non mostra segni di diminuzione. Ogni giorno, circa 300 sud sudanesi attraversano il confine per fuggire dall’insicurezza e dalla mancanza di cibo che affliggono il loro paese.

3 Marzo 2014

Scopri le ultime notizie dalle crisi dimenticate nella nuova edizione del nostro TG.

26 Settembre 2013

In questo numero: Somalia, Repubblica Centrafricana, Uganda e Haiti

10 Settembre 2013

Medici Senza Frontiere sta fornendo cure mediche d’emergenza, acqua e servizi igienico-sanitari in Uganda occidentale, a seguito dell’afflusso di decine di migliaia di rifugiati in fuga dall’insicurezza nel Nord Kivu, Repubblica Democratica del Congo, iniziato a metà luglio

Pagine