Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente

Paesi

31 Maggio 2018

Dalla fine di aprile le contee di Leer e Mayendit, devastate dal conflitto in Sud Sudan settentrionale, sono state nuovamente travolte dai combattimenti. Migliaia di persone sono bloccate tra le linee del fronte e le strutture sanitarie sono state attaccate. L’alto livello di violenza impedisce a molte persone di raggiungere i servizi di base, comprese le cure mediche.

2 Maggio 2018

Una nostra équipe è stata vittima di una violenta rapina armata nell’area a sud di Mundri, in Sud Sudan, martedì 24 aprile. Condanniamo questo atto brutale.

26 Marzo 2018

Sono le 8 del mattino e il compound di MSF ad Akobo in Sud Sudan sembra un alveare in piena attività. Di fronte alla tenda della logistica, il personale carica con cura nel retro di un veicolo tavoli, sedie, stuoie, medicine e altri materiali.

Nelle vicinanze, il coordinatore del progetto beve una tazza di caffè parlando contemporaneamente a una radio trasmittente impolverata. Con i giubbotti di salvataggio ancora sbottonati sulle loro spalle, un’équipe di medici, infermieri e operatori sanitari della comunità discutono la strategia del giorno.

16 Febbraio 2018

Un anno dopo lo scoppio del conflitto nella regione dell’Upper Nile in Sud Sudan, molte delle persone che erano fuggite dalle violenze si trovano ancora intorno al villaggio di Aburoc. Ma presto questa comunità dovrà affrontare una scelta difficile: restare in questa zona, dove le condizioni di vita sono durissime e peggiorano di giorno in giorno, oppure tornare a casa nei loro vecchi villaggi dove ci sono ancora tensione e conflitti.

1 Dicembre 2017

Stiamo sperimentando con successo il programma “Test and Treat” per la diagnosi e la cura dell’HIV, nella Contea di Yambio, in Equatoria occidentale, dove gli scontri costringono la popolazione a continui spostamenti. Il programma, già introdotto in altre zone dell’Africa, potrebbe dunque applicarsi anche ad altre aree di conflitto e sfollamento.

7 Novembre 2017

Il terzo video selfie ci arriva da Bianca, responsabile delle Risorse Umane a Juba, in Sud Sudan

25 Ottobre 2017

In Sud Sudan da oltre tre anni è in corso una guerra civile che ha già provocato migliaia di vittime, circa due milioni di sfollati all’interno del paese e due milioni di rifugiati che hanno cercato riparo nei paesi limitrofi. Angelo è un logista e con MSF ha svolto missioni in molti paesi tra i quali proprio il Sud Sudan e questa è la sua testimonianza.

20 Ottobre 2017

Ogni giorno i nostri operatori umanitari sono al lavoro nei principali teatri di guerra in tutto il mondo per soccorrere le popolazioni colpite. Impegnati il più vicino possibile alla linea del fronte, forniscono cure mediche e chirurgiche ai feriti o ai malati rimasti senza cure, fanno nascere bambini, offrono assistenza psicologica, migliorano le condizioni nei campi rifugiati.

19 Settembre 2017

Martina, ostetrica, ci racconta la sua esperienza come operatrice MSF, le sfide che ha dovuto affrontare e le motivazioni che l'hanno spinta a partire. Leggi la sua testimonianza e scopri come diventare operatore umanitario MSF.

23 Giugno 2017

MSF ha espresso soddisfazione per l’aggiunta del morso di serpente alla lista delle Malattie Tropicali Neglette dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nonostante si stimi che il morso di serpente uccida oltre 100.000 persone all’anno, più di ogni altra malattia nella lista, le risorse per prevenirlo e curarlo sono quasi inesistenti e l’accesso alle terapie salvavita anti veleno resta molto limitato. 

Pagine