Previous
  • In un mese, dal 25 agosto al 24 settembre 2017, sono morti a causa della violenza in Myanmar, nello Stato di Rakhine, almeno 6.700 Rohingya, tra cui 730 bambini al di sotto dei 5 anni. È quanto emerge dalla nostra indagine condotta tra i rifugiati Rohingya in Bangladesh.

  • Una settimana di pesanti violenze, accompagnata dal blocco che impedisce tutti i rifornimenti vitali in Yemen, mostra ancora una volta l’assoluto disprezzo delle parti in guerra nei confronti della popolazione civile, dei pazienti e delle strutture mediche nel Paese.

  • Per il secondo inverno consecutivo, le autorità greche tengono intrappolate migliaia di uomini, donne e bambini nelle isole greche, abbandonandoli sull’orlo di una crisi umanitaria.

    Per rispondere a questa crisi, abbiamo intensificato il nostro intervento umanitario d’emergenza nel Paese. Allo stesso tempo, lanciamo un nuovo appello all’Europa e alle autorità greche affinché queste persone vengano al più presto ricollocate sulla parte continentale della Grecia.

Seguente

Paesi

2 Ottobre 2014

Un anno dopo il tragico naufragio al largo delle coste di Lampedusa, guerre come quella in Siria e crisi prolungate come quella che ha investito la Libia continuano a spingere un numero senza precedenti di profughi in Europa. MSF, che sulle coste siciliane vede pazienti sempre più vulnerabili, esorta l’Unione Europea a proseguire le attività di ricerca e soccorso per salvare vite umane nel Mediterraneo e a trovare un modo per consentire a chi fugge da zone di conflitto di cercare rifugio in Europa.