Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente

Paesi

23 Ottobre 2012

In questo numero:
Congo, la malattia dimenticata delle foreste
Niger. la doppia piaga di malaria e malnutrizione
Sri Lanka, missione al termine
Novartis, iniziato il processo in India

21 Aprile 2010

Al via le mobilitazioni per sensibilizzare l’opinione pubblica

24 Dicembre 2009

MSF continua a fornire assistenza chirurgica e medica per gli sfollati nel distretto di Vavuniya, nel nord dello Sri Lanka. Alcuni feriti di guerra necessitano di cure mediche specifiche, come la chirurgia ortopedica, e circa 95.000 persone sono rimaste al campo di Menik Farm. Potrebbero essere necessari ulteriori medici specializzati nelle aree di ritorno, a seguito del processo di reinsediamento

17 Luglio 2009

Medici Senza Frontiere ha eseguito oltre 5 mila interventi chirurgici in 5 mesi

11 Giugno 2009

Mentre il Ministero della Salute srilankese ha avviato un sistema di assistenza di base per i feriti e i malati presenti nei campi, le necessità restano immense ed è necessaria una presenza medica 24 ore su 24.

11 Giugno 2009

Dipesh è uno dei pazienti dell’ospedale da campo di Medici Senza Frontiere, ospedale di riferimento più vicino per i 220 mila sfollati del campo di Menik Farm.

3 Giugno 2009

Sono oltre 500 i feriti nei tre ospedali dove lavora MSF

21 Maggio 2009

MSF sta allestendo un nuovo ospedale da campo

12 Maggio 2009

Sempre meno le persone che riescono a lasciare la zona dei combattimenti

27 Aprile 2009

Nuova testimonianza di Paul McMaster, chirurgo di MSF nell’ospedale di Vavuniya

Pagine