Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente

Paesi

18 Settembre 2012

Unni Karunakara, Presidente internazionale di Medici Senza Frontiere si è incontrato ieri a Ginevra con una delegazione del Bahrain che comprendeva anche Salah Bin Ali Abdularahman, Ministro del Bahrain per i diritti dell'uomo

13 Aprile 2012

MSF ribadisce la sua richiesta di operare nel Paese

5 Agosto 2011

Medici Senza Frontiere accoglie con favore il rilascio del suo operatore Saeed Mahdi, e riconosce che ora è stato autorizzato l'accesso a un avvocato

3 Agosto 2011

Medici Senza Frontiere chiede alle autorità del Bahrein di rispettare l’integrità, la sicurezza e la riservatezza delle sue strutture e del suo personale e di permettere immediato accesso all’operatore detenuto da parte dei suoi avvocati e della sua famiglia

14 Giugno 2011

Saeed Mahdi, arrestato il 6 maggio, è stato rilasciato l’11 giugno: né la sua famiglia né il suo avvocato hanno potuto fargli visita per tutto il periodo di detenzione

31 Maggio 2011

Un membro di Medici Senza Frontiere è detenuto da settimane in Bahrein dopo essere stato gravemente malmenato durante l'arresto da parte delle autorità, senza che nessuno sappia nulla sulle sue condizioni o su dove si trovi, nemmeno la sua famiglia e il suo avvocato

17 Maggio 2011

Nel Paese essere feriti dalle forze di sicurezza può causare l’arresto, mentre fornire assistenza sanitaria può essere motivo di carcerazione

7 Aprile 2011

Medici Senza Frontiere condanna oggi l’uso delle strutture sanitarie per mettere in atto azioni repressive sui dissidenti, che sta impedendo ai feriti di ricevere assistenza

23 Marzo 2011

Dall’inizio delle proteste e delle violenze esplose nei paesi del Nord Africa e del Medio-Oriente, team di Medici Senza Frontiere hanno rifornito e dato assistenza agli ospedali e alle strutture sanitarie dove il personale medico sta gestendo un crescente afflusso di feriti