Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente

Paesi

23 Aprile 2018

In vista della seconda conferenza di Bruxelles sulla Siria, esortiamo la comunità internazionale a potenziare i finanziamenti per l’assistenza sanitaria dei rifugiati siriani nella regione, in particolare per quelli che non risiedono nei campi.

20 Febbraio 2018

Ho ascoltato centinaia di storie, alcune belle altre davvero tragiche. Tra queste quella di Zehra* una bambina di 8 anni che mi ha disegnato i suoi ricordi, troppo dolorosi per essere raccontati, con l’aiuto di pennarelli e pastelli colorati.

6 Febbraio 2017

I rifugiati siriani in Libano e Giordania sono sempre più vulnerabili a malattie croniche non trasmissibili come ipertensione, diabete o malattie cardiovascolari.

7 Dicembre 2016

La nostra clinica per i siriani feriti di guerra nel nord della Giordania è stata costretta a interrompere le attività appena sei mesi dopo la chiusura del confine tra Giordania e Siria. Nella clinica del campo rifugiati di Zaatari, a circa 80 km a nord-est di Amman, MSF forniva assistenza post-chirurgica ai rifugiati operati nella vicina Ramtha e in altri ospedali.

29 Novembre 2016

La situazione umanitaria e sanitaria dei siriani bloccati al confine nord-orientale della Giordania, nella zona desertica conosciuta come ‘Berm’, peggiorerà ulteriormente nei prossimi mesi, quando le persone dovranno affrontare un secondo inverno nel deserto.

6 Ottobre 2016

Carla Patrizia Dani, ostetrica di Padova, lavora da tre anni con MSF e racconta la sua esperienza di tre mesi nel campo di profughi siriani chiamato Berm, una striscia di terra immersa nel deserto al confine tra Giordania e Siria, dove più di 75.000 profughi vivono ormai da lungo tempo senza alcun accesso alle cure mediche. Dopo un attacco bomba al campo, il 21 giugno scorso, in cui sono morti 7 soldati giordani, il governo giordano ha deciso di chiudere i confini con la Siria e da allora l’équipe di MSF non può più portare cure mediche ai rifugiati.

6 Ottobre 2016

Da più di tre mesi dalla chiusura del confine tra Giordania e Siria, a migliaia di siriani continua ad essere negato l’accesso alle cure mediche essenziali in Giordania in due zone cruciali, dichiara MSF.

25 Luglio 2016

MSF chiede l’evacuazione medica dei feriti di guerra siriani attraverso il confine settentrionale della Giordania, attualmente chiuso. Questa richiesta coincide con l’apertura di un nuovo reparto di chirurgia nell’ambito del programma di chirurgia traumatologica d’urgenza di MSF presso l’ospedale statale di Ramtha, a 5 km dal confine con la Siria, per trattare il grande numero di feriti in arrivo.

28 Gennaio 2016

Cinque anni di guerra, l'instabilità politica e la mancanza di strutture sanitarie hanno lasciato molti feriti di guerra siriani in una situazione di vulnerabilità che li ha indotti a intraprendere un lungo percorso, dalla chirurgia d'urgenza alla riabilitazione, per ricostruire i loro corpi e le loro menti.

1 Ottobre 2015

Le ultime notizie del mese dalle principali emergenze del momento: migrazione, Mali, Giordania, Afghanistan, Logistica di MSF, l'esperienza del nostro vice capo missione Garnier in Etiopia, nei campi di rifugiati in fuga dal conflitto in Sud Sudan.

Pagine