Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente
18 Agosto 2015

Due settimane dopo le violente alluvioni che hanno colpito circa un milione di persone in Myanmar, MSF sta rafforzando la propria azione a supporto della risposta governativa nello stato di Rakhine e nella Regione di Sagaing. 

L’obiettivo è da un lato rispondere ai bisogni immediati delle persone colpite direttamente dall’alluvione, dall’altro mitigare l’elevato rischio che nelle comunità si diffondano malattie trasmesse dall’acqua e dalle zanzare come la malaria, la diarrea e la febbre dengue.

13 Novembre 2009

Il Ministero della salute di Capo Verde ha riferito che tra il 1 ottobre e il 9 novembre sono stati segnalati 13.187 casi sospetti di dengue in quattro isole dell’arcipelago

26 Luglio 2007

Ma devono continuare gli sforzi per arginare l'epidemia.

6 Marzo 2002

Massacri, estorsioni, furti, rapimenti, sfollati. La popolazione civile è sempre la vittima principale di questo conflitto.