Previous
  • Dopo un intervento di emergenza di due mesi nella Provincia dell’Equatore in Repubblica Democratica del Congo (RDC), le nostre équipe hanno iniziato a passare il testimone della risposta contro l’Ebola al Ministero della Salute locale e ad altre organizzazioni non governative a Mbandaka, Bikoro, Itipo e Iboko.

  • Alcune notti fa, mentre camminavo sul ponte dell’Aquarius per controllare i pazienti, mi sono fermato a parlare con alcuni ragazzi nigeriani a bordo. Puntavano il dito e lo sguardo a un bagliore all’orizzonte, curiosi di sapere se stessimo raggiungendo l’Europa e sul motivo della nostra sosta così prolungata. Gli ho mostrato sul mio telefono la nostra posizione sulla mappa, eravamo bloccati tra la Sicilia e Malta. Puntando lo sguardo a nord dalla prua potevamo vedere le tenui luci dell’Italia.

  • Nel campo di Kutupalong in Bangladesh, abbiamo aperto un nuovo reparto di maternità. In questo periodo, su dieci letti occupati, quattro accolgono donne Rohingya che hanno subito violenze sessuali. Nella struttura, costruita per resistere alla stagione delle piogge, ci sono stanze private per le neo-mamme che potranno essere assistite senza il rischio che qualcuno le identifichi o ascolti ciò che dicono.

Seguente
17 Agosto 2017

Per far fronte all’epidemia di morbillo che dilaga in Repubblica Democratica del Congo (RDC), MSF ha vaccinato oltre un milione di bambini attraverso una campagna di vaccinazione durata nove mesi, a supporto del Ministero della Salute. Da novembre 2016, le équipe di MSF hanno inoltre curato più di 41.000 bambini colpiti dalla malattia nelle province di Maniema, Lomami, Tanganyika, Ituri, Sud Kivu ed Equateur.

30 Maggio 2017

Narcisse Wega Kwekam è vice coordinatore dell’emergenza di MSF in Repubblica Democratica del Congo. È tornato da poco dalla provincia di Tanganyika, un’area in cui gli scontri fra comunità hanno costretto un gran numero di persone a lasciare le loro case.

30 Maggio 2017

Gli sfollati che vivono negli insediamenti intorno alla città di Kalémie, in Repubblica Democratica del Congo (RDC), hanno accesso limitato alle cure mediche e soffrono di un’allarmante carenza di cibo, acqua e ripari.

21 Aprile 2017

La testimonianza di Candida Lobes, responsabile della comunicazione in Repubblica Democratica del Congo.

21 Aprile 2017

Le nostre équipe sono attualmente al lavoro contro il morbillo, a supporto del Ministero della Salute della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Da novembre 2016, MSF ha vaccinato più di 675.000 bambini e curato più di 14.000 malati in cinque province del paese: Maniema, Sud Kivu, Tanganika, Ituri ed Equateur.

23 Aprile 2014

La necessità che i vaccini siano tenuti costantemente al freddo rappresenta una grave barriera per il miglioramento dei tassi di copertura delle vaccinazioni. Serve una soluzione in cui la refrigerazione non sia più indispensabile.

22 Agosto 2013

Dalla fine del 2012, lo stato di Katsina, nel nord della Nigeria, ha affrontato un’epidemia di morbillo che si è appena conclusa: MSF ha supportato le autorità, con attività di sorveglianza epidemiologica e gestione dei casi nelle 34 province di Katsina

19 Giugno 2013

I bisogni umanitari della popolazione crescono ogni giorno di più

1 Marzo 2013

Lo scorso dicembre, MSF ha diramato un’allerta riguardo un’epidemia di morbillo nelle provincie dell’Equatore e dell’Orientale, nel nord della Repubblica Democratica del Congo (RDC), cercando di attirare l’attenzione sulla situazione e sulla mancanza di risorse disponibili per il personale medico che si trova a fronteggiare l’emergenza. A distanza di due mesi, però, l’epidemia di morbillo colpisce ancora decine di migliaia di bambini in questa zona.

24 Ottobre 2011

In combinazione con la malnutrizione, il morbillo è ora il principale responsabile della morte dei bambini in Somalia: solo la vaccinazione può fermare la diffusione dell'epidemia

Pagine