Previous
Seguente

Paesi

Argomento

6 Febbraio 2017

Il recente riaccendersi degli scontri dentro e nei pressi delle città di Wau Shilluk e Malakal nell’Upper Nile State, ha privato dell’assistenza medica molte persone costrette a fuggire.

6 Febbraio 2017

I rifugiati siriani in Libano e Giordania sono sempre più vulnerabili a malattie croniche non trasmissibili come ipertensione, diabete o malattie cardiovascolari.

3 Febbraio 2017

Con la Dichiarazione di Malta sul Mediterraneo Centrale, il Consiglio Europeo conferma di non avere alcuna considerazione delle drammatiche condizioni di pericolo che si vivono all’interno della Libia e, in modo specifico, dello stato disumano in cui versano i centri di detenzione dove vengono trattenute le persone in fuga.

3 Febbraio 2017

Nella giornata del meeting dei capi di stato dei paesi membri dell’UE a Malta, dove è discussa in queste ore la proposta di “chiudere la rotta dalla Libia all’Italia” attraverso una cooperazione con le autorità libiche, esprimiamo forte preoccupazione per le persone che saranno riportate in Libia dopo essere state intercettate in mare, o che restano intrappolate nel paese.

31 Gennaio 2017
Quando è scoppiata la guerra in Yemen, Sana era all’estero: “Avevo appena finito di studiare medicina al Cairo e la mia famiglia mi aveva detto di rimanere lì al sicuro”. Le notizie che leggeva sui giornali l’hanno però spinta a ritornare a Taiz, uno dei luoghi più violenti di questo conflitto. Ora lavora nel reparto contro la malnutrizione dell’ospedale materno-infantile di MSF nella città, divisa dal fronte.
 
31 Gennaio 2017

In Yemen la guerra sta avendo un impatto devastante sulla popolazione civile, sia per il numero delle vittime dirette sia per il collasso dei sistemi sanitari. È quanto emerge dal nostro nuovo rapporto sull’assistenza medica in tempo di guerra, diffuso a livello internazionale. 

30 Gennaio 2017

L’ordine esecutivo del presidente Donald Trump, che sospende il programma di reinsediamento dei rifugiati negli Stati Uniti, è un atto disumano contro persone che fuggono da zone di guerra

27 Gennaio 2017

Il nostro Direttore Generale, Gabriele Eminente, è appena rientrato dal Bangladesh. Questo è il racconto dei suoi giorni nei progetti MSF.

Dallo slum alle risaie

L’aereo, un turboelica da una quarantina di posti, impiega meno di un’ora per raggiungere Cox’s Bazar. L’aeroporto è piccolo: pochi metri a piedi e si raggiunge il cancello, aperto sul piazzale. L’auto di MSF è già lì, puntuale.

27 Gennaio 2017
Chiude il campo sfollati di Mpoko all’aeroporto internazionale di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana (CAR), il luogo simbolo della violenta crisi che ha devastato il paese negli ultimi tre anni. Ma per MSF, che da oltre 20 anni fornisce assistenza medico-umanitaria nel paese, i problemi in CAR sono tutt’altro che risolti: una persona su quattro è ancora sfollata, all’interno o al di fuori dei confini nazionali, e più della metà della popolazione dipende dagli aiuti per sopravvivere.
 
25 Gennaio 2017

Taisiya Gregorivna, una vedova di 82 anni, ha vissuto a Pavlopil nell'Ucraina orientale negli ultimi quarantasei anni. A pochi chilometri di distanza dalla linea del fronte, il conflitto in corso ha colpito pesantemente il paese e i suoi abitanti.

Pagine