Previous
  • Una settimana di pesanti violenze, accompagnata dal blocco che impedisce tutti i rifornimenti vitali in Yemen, mostra ancora una volta l’assoluto disprezzo delle parti in guerra nei confronti della popolazione civile, dei pazienti e delle strutture mediche nel Paese.

  • Per il secondo inverno consecutivo, le autorità greche tengono intrappolate migliaia di uomini, donne e bambini nelle isole greche, abbandonandoli sull’orlo di una crisi umanitaria.

    Per rispondere a questa crisi, abbiamo intensificato il nostro intervento umanitario d’emergenza nel Paese. Allo stesso tempo, lanciamo un nuovo appello all’Europa e alle autorità greche affinché queste persone vengano al più presto ricollocate sulla parte continentale della Grecia.

  • La crisi umanitaria a Cox’s Bazar, in Bangladesh, non accenna a diminuire. Dal 25 agosto più di 620.000 Rohingya sono fuggiti dal Myanmar per raggiungere il paese vicino. Questi arrivi si sono aggiunti alle centinaia di migliaia di Rohingya che avevano lasciato il proprio paese negli anni scorsi e vivevano già in condizioni precarie. La testimonianza di Elena dal cuore di una crisi.

  • Da quattro giorni, la Coalizione guidata dall’Arabia Saudita non autorizza più i nostri voli verso lo Yemen, ostacolando direttamente la capacità di fornire assistenza medico-umanitaria salvavita a una popolazione già stremata. Chiediamo alla Coalizione di consentire immediato accesso al Paese, affinché l'assistenza possa raggiungere i più bisognosi.

Seguente

Paesi

Argomento

30 Agosto 2017

Si informano tutti i candidati che sono consultabili le graduatorie del Servizio Civille Nazionale nelle sedi di Roma, Palermo e Torino.

28 Agosto 2017

Più di 500.000 persone sono sfollate nella provincia di Tanganyika (RDC). Circa la metà vive nella città di Kalémie e nei dintorni. Nell'ultimo mese, una parte delle persone che vive in insediamenti al di fuori di Kalémie è stata costretta a fuggire a causa della violenza cercando rifugio nella città. Chi non aveva parenti o amici con cui stare ora si trova a vivere negli edifici scolastici o nei complessi di Moni, Filtisaf, Hodary e Lubuye.

28 Agosto 2017
Insediamenti informali di rifugiati come quello in via Curtatone – edifici occupati nelle grandi città, baraccopoli in aree rurali – non esistono soltanto a Roma, ma in tutta Italia, e sono l'effetto più evidente di un problema strutturale: l'assoluta assenza nel nostro paese di politiche e azioni concrete finalizzate a favorire l'inclusione sociale dei rifugiati.
 
24 Agosto 2017

Il violento sgombero attuato dalla polizia questa mattina, nel centro della città di Roma, ha provocato molti feriti tra un gruppo di 100 rifugiati, tra cui molte donne, anziani e disabili. La nostra équipe sul posto ha trattato in poche ore 13 persone, la maggior parte donne.

23 Agosto 2017

Le aspettative di accesso a un vaccino pneumococcico coniugato (PCV) a prezzi accessibili hanno subìto un duro colpo dopo che l’Ufficio dei brevetti indiano ha concesso un brevetto alla casa farmaceutica statunitense Pfizer per il suo farmaco PCV13. Il rilascio di questo brevetto impedisce ad altri produttori in India di fornire questo vaccino.

23 Agosto 2017

Nonostante il numero di nuovi casi di colera in Yemen sembra essere rallentato negli ultimi 30 giorni, a quattro mesi dallo scoppio dell'epidemia molte persone muoiono ancora inutilmente nelle zone remote del paese. Senza un aumento urgente degli aiuti e un approccio preventivo a livello comunitario, la gente continuerà a morire di questa malattia evitabile. Dalla dichiarazione dello stato di epidemia il 27 aprile 2017 sono state colpite più di 500.000 persone.

21 Agosto 2017

La testimoninanza del dottor Tufail Ahmad, un medico pakistano che lavora al programma nutrizionale di MSF presso l'Ospedale Centrale di Dera Murad Jamali nel Baluchistan orientale, in Pakistan:

17 Agosto 2017

Per far fronte all’epidemia di morbillo che dilaga in Repubblica Democratica del Congo (RDC), MSF ha vaccinato oltre un milione di bambini attraverso una campagna di vaccinazione durata nove mesi, a supporto del Ministero della Salute. Da novembre 2016, le équipe di MSF hanno inoltre curato più di 41.000 bambini colpiti dalla malattia nelle province di Maniema, Lomami, Tanganyika, Ituri, Sud Kivu ed Equateur.

12 Agosto 2017

Ieri le autorità libiche hanno dichiarato pubblicamente di aver istituito una zona di ricerca e soccorso (SAR) e limitato l’accesso delle navi umanitarie nelle acque internazionali al largo delle coste libiche. Subito dopo, il Centro di Coordinamento del Soccorso Marittimo (MRCC) di Roma ha allertato Medici Senza Frontiere (MSF) di un rischio sicurezza legato alle minacce pronunciate pubblicamente dalla Guardia Costiera Libica contro le navi di ricerca e soccorso umanitarie impegnate in acque internazionali.

7 Agosto 2017

I civili malati e feriti all'interno e all'esterno della città di Raqqa stanno affrontando gravi difficoltà di accesso all’assistenza medica salva-vita a causa della battaglia in corso per il controllo della città nel nord est della Siria. "I pazienti ci segnalano che un gran numero di malati e feriti è intrappolato nella città di Raqqa, con limitato se non inesistente accesso alle cure mediche e con scarse possibilità di fuga dalla città", afferma Vanessa Cramond, coordinatore medico di MSF per la Turchia e la Siria settentrionale.

Pagine