2017. Le foto che raccontano un anno di azione medica

2017. Le foto che raccontano un anno di azione medica

Dodici foto. Dodici storie.

Ripercorriamo insieme un anno di impegno e azione umanitaria per portare assistenza dove ce n'è più bisogno. GRAZIE a chi, come voi, ci permette ogni giorno di condividere e raccontare queste storie.

LAGO CIAD- Foto di Dominic Nahr

Una giovane donna viene accompagnata alla clinica mobile di MSF dopo aver viaggiato per oltre 30 Km.

M. DAL SUDAN- Foto di Giuseppe La Rosa

Dal momento in cui è arrivato a Cagliari, è iniziata la lunga odissea di M. che lo ha portato dalla Sardegna a Milano, passando da Ventimiglia e Como. Nel tentativo di attraversare il confine francese, M. ha visto morire il suo compagno di viaggio che ha perso la vita in un tragico incidente.
M. è rimasto bloccato a Como, alla frontiera Italia-Svizzera. A tante altre persone come lui è stato negato il diritto alla protezione e hanno dovuto rischiare la propria vita nel tentativo di attraversare i confini europei. Molti continuano a morire durante il viaggio.

MEDITERRANEO- Foto di Kevin McElvaney

Lo staff di MSF e SOS Mediterranee opera in condizioni meteorologiche complicate, durante il soccorso di un gommone in difficoltà con migranti e rifugiati a bordo.

 

LAGO CIAD- Foto di Sara Creta/MSF

Il Dr. Henryk Mazurek, ginecologo e ostetrico MSF, effettua un’ecografia su una paziente che sta per dare alla luce due gemelli. Da novembre 2015, MSF lavora nella maternità e pediatria dell’ospedale regionale di Bol a supporto del Ministero della Salute. Un ginecologo, un anestesista, un pediatra e un’ostetrica lavorano insieme allo staff dell’ospedale per migliorare la qualità dei trattamenti e fornire cure gratuite ai pazienti.

DIFFA, NIGER- Foto di Juan Carlos Tomasi/MSF

Nella clinica MSF a Garin Wazam, Garba riceve assistenza mentale. Sua moglie si è rivolta a MSF per ricevere cure prenatali.

MOSUL SUD- Foto di Alice Martins / MSF

Un uomo abbraccia la sorella nel centro traumatologico di MSF. Non si sono visti per più di due anni a causa del conflitto La figlia della donna è stata curata per le ferite subite due settimane prima.

NIGERIA- Foto di Sylvain Cherkaoui/COSMOS

Toudjani Boulama, 18 anni, è stato colpito da un colpo di arma da fuoco in faccia per mano di Boko Haram.

TRIPOLI, LIBIA- Foto di Guillaume Binet/Myop

Un gruppo di donne in un centro di detenzione femminile a 60 Km circa da Tripoli, in Libia. I detenuti ricevono razioni irregolari che vengono distribuite una o due volte al giorno o spesso non vengono distribuite affatto.

CHOLOMA, HONDURAS- Christina Simons/MSF

Cinthya*, una paziente di 18 anni, si è rivolta alla clinica di Choloma per cure mediche e mentali dopo aver subito violenza domestica. È incinta di due mesi.
*Il nome è stato cambiato

CAMPO DI AIN ISSA, SIRIA- Foto di Agnes Varraine-Leca

Dopo l’arrivo nel campo, gli sfollati o i rifugiati devono consegnare i documenti di identità alle autorità del campo.

SUD KIVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO- Foto di Marta Soszynska/MSF

Una madre guarda il figlio mentre viene visitato da un’infermiera MSF per curare i sintomi del colera nel centro di trattamento specializzato di Katana.

BANGLADESH- Foto di Moises Saman/Magnum Photos for MSF

Rifugiati Rohingya, in viaggio verso i campi profughi a Cox’s Bazar in Bangladesh, cercano un riparo dalle piogge monsoniche in un campo di riso lungo il confine. Le guardie di frontiera del Bangladesh hanno ordinato loro di fermarsi.

Lascia un Commento

Condividi con un amico