Afghanistan: numero di parti raddoppiato nel nuovo progetto maternità di MSF

  • Salute della donna
  • Afghanistan

Bili

Nell’ospedale di Dasht-e-Barchi a Kabul, MSF gestisce un nuovo progetto di ostetricia di emergenza e cura neonatale. Da quando è stato avviato – un anno fa – il numero di parti è raddoppiato ogni mese. Il totale nel 2015 è stato di 11.000 nascite e si prevede cresca anche quest’anno. La sfida che si prefigge MSF è di mantenere la stessa qualità dell’assistenza nonostante l’aumento di donne che vengono a partorire nella struttura.
 
“Ci prendiamo cura principalmente della comunità di Hazara – la più numerosa nella parte ovest di Kabul – una popolazione storicamente marginalizzata e povera perché sfollata dalle aree montagnose della provincia afghana, a causa del decennale conflitto in corso”, spiega Kara Blackburn, ostetrica di MSF. “In particolare negli ultimi dieci anni si sono spostati lentamente verso Kabul, in quella che era originariamente una comunità più piccola. La popolazione è cresciuta esponenzialmente: dalle 200.000 persone stimate nel 2001 fino a circa 1,2 milioni di persone oggi”.
 
La crescita del numero di parti nell’ospedale di Dasht-e-Barchi è collegata a vari fattori: il servizio gratuito dell’ospedale, la qualità delle cure e il fatto che semplicemente a Kabul non ci sono abbastanza posti letto per la maternità. MSF gestisce la sala travaglio e la sala parto, una sala operatoria, il post-parto e un’unità neonatale per bambini malati e a rischio. Il Ministero della Salute afghano gestisce la clinica prenatale e postnatale e c’è un’altra ONG, la Marie Stopes International, che offre il servizio di pianificazione familiare due volte a settimana.
 
 
“In quanto centro di riferimento specializzato, vediamo diverse tipologie di partorienti, da quelle a basso rischio a quelle ad alto rischio e gestiamo un gran numero di complicazioni, ecco perché è così importante fornire un servizio di ostetricia di emergenza”, prosegue Kara Blackburn. “La maggioranza delle donne del luogo e delle loro famiglie si reca in ospedale durante il travaglio o se ci sono complicazioni, come emorragie o distacco della placenta. Fortunatamente quando visitiamo queste pazienti in tempo riusciamo a gestire il loro stato, se questo non accade però possono nascere delle complicazioni severe”.
 
L’assistenza postparto è una delle aree d’intervento che MSF sta potenziando. Non si tratta solo di garantire un parto sicuro ma di contribuire anche alla prevenzione di future complicazioni. Il personale di MSF avvisa e ricorda alle nuove madri di tornare in ospedale se stanno sanguinando o se il bimbo è diventato silenzioso e non mangia. “Le prime 24 ore sono veramente cruciali, quindi quando le donne e i bambini lasciano l’ospedale – di solito 6 ore dopo aver partorito se non ci sono complicazioni – dobbiamo assicurarci che abbiano ricevuto tutte le informazioni importanti in modo chiaro”, conclude Kara Blackburn.
 
Dal novembre 2014, MSF supporta l’ospedale distrettuale del Ministero della Salute afghano a Dasht-e-Barchi. Con 30 posti letto in maternità e 20 posti letto nell’unità neonatale MSF offre servizi a titolo gratuito, focalizzandosi sui casi complicati. Durante il primo anno di attività, MSF ha assistito 10.727 parti, di cui il 17% con complicazioni. L'assistenza di alta qualità per i pazienti è fornita da un’équipe di circa 191 professionisti qualificati tra personale afghano e staff internazionale.

Lascia un Commento

Condividi con un amico