Allarme Malaria in Sud-Sudan.

  • Malaria
  • Sudan

 

 

Medici Senza Frontiere denuncia un allarmante aumento dei casi di malaria in Sud-Sudan. Negli ultimi 4 mesi le nostre équipes hanno trattato oltre 52mila pazienti: cinque volte di più dei numeri registrati nello stesso periodo dell’anno scorso.

 

 

Il team di MSF ad Akuem (una città nella provincia di Bahr-el-Ghazal, nel Sud-Sudan) ha notato un massiccio incremento dei casi di malaria a partire dalla fine di giugno. In quattro mesi sono stati curati oltre 52mila pazienti, di cui 800 casi gravi.

“La malaria è endemica in quella Regione, ma il numero dei casi è spaventosamente aumentato quest’anno rispetto all’anno scorso – spiega Greg Elder, coordinatore medico di MSF nella zona –. Abbiamo trattato un numero di pazienti di cinque volte superiore rispetto all’anno scorso e il picco di contagi è avvenuto in anticipo: a luglio invece che ad agosto”.

MSF ha potenziato la fornitura di farmaci e ampliato le sue attività in altre aree vicine. Attualmente i nostri volontari gestiscono quattro ambulatori in diverse località e hanno allestito delle cliniche mobili per raggiungere i malati nelle aree più remote. L’eccezionale intensità delle piogge di quest’anno ha ridotto a un pantano l’intero territorio impedendo a molte comunità di spostarsi per raggiungere gli ambulatori. Le cliniche mobili sono però riuscite a raggiungere almeno 29mila pazienti: soprattutto bambini al di sotto dei 5 anni di età e adulti fragilissimi per i quali la malaria sarebbe altrimenti mortale.
Considerando sia gli ambulatori fissi sia le cliniche mobili, MSF tratta in media 5mila pazienti a settimana.

L’aumento dei casi di malaria è una chiara conseguenza della gravissima crisi nutrizionale che ha colpito l’intera provincia a partire da aprile e che ha reso la popolazione estremamente vulnerabile alle infezioni.. MSF gestisce anche 6 centri nutrizionali nell’area: negli ultimi 6 mesi i nostri volontari si sono presi cura di 1400 persone gravemente malnutrite e di 12mila pazienti con forme più lievi di malnutrizione.

Lascia un Commento

Condividi con un amico