Emergenza fame – MSF invia 280 tonnellate di cibo

  • Malnutrizione
  • Angola

Sono più di 280 le tonnellate di cibo che MSF ha inviato in Angola per sostenere i propri centri nutrizionali.
Data la grave crisi nutrizionale cha ha colpito l’Angola e che in base alle previsioni durerà per i prossimi 6/12 mesi, MSF ha inviato 280 tonnellate di cibo e latte che verranno distribuiti nei propri progetti. L’ultimo cargo è arrivato a Luanda (capitale dell’Angola) mercoledì 26 giugno.

Attualmente MSF gestisce 44 centri nutrizionali in 11 delle 18 province del paese, nutrendo circa 14.000 persone. In Angola sono circa 500.000 gli individui malnutriti.

Il materiale inviato è composto da 92 tonnellate di latte, 40 tonnellate di plumpy nuts (integratore alimentare multiproteico), 30 tonnellate di biscotti iperproteici e 120 tonnellate di miscela soia/mais. Tutto il materiale è stato consegnato ai maggiori centri nutrizionali di Luena, Kuito e Camacupa e da qui verranno distribuiti agli altri centri minori.
Queste scorte permetteranno a MSF di mantenere i centri nutrizionali per altri tre mesi.
Le navi, partite dal porto di Anversa (Belgio), hanno impiegato circa tre settimane per arrivare a destinazione.

Il livello di malnutrizione registrato da MSF in Angola è il più alto dopo quello registrato durante la carestia che ha colpito il Sudan nel 1998. Secondo MSF questa crisi nutrizionale è la peggiore che ha colpito il continente africano negli ultimi dieci anni.

Lascia un Commento

Condividi con un amico