Nel centro nutrizionale di Bailundo sono più di 700 i bambini gravemente malnutriti

  • Malnutrizione
  • Angola

Luanda, 27 giugno 2002 – Oggi, più di 700 bambini gravemente malnutriti sono ricoverati nel centro nutrizionale di MSF a Bailundo. In numerose zone del paese MSF continua a scoprire e trovare bambini che soffrono di malnutrizione grave.

E’ da un mese che MSF ha aperto un nuovo centro nutrizionale terapeutico a Bailundo per rispondere agli urgenti bisogni della popolazione angolana a nord di Huambo, raggruppata in tre zone di acquartieramento. I team mobili di MSF curano anche i bambini malnutriti dei villaggi presenti intorno a questo centro.

Un’indagine sulla situazione nutrizionale e sulla mortalita retrospettiva condotta da Epicentre (associazione specializzata in epidemiologia) nella zona di Chiteta (20 km da Bailundo) su una popolazione, stimata in quest’indagine, di 15.000 persone e sul periodo dal 10 al 14 giugno 2002, conferma la gravità della situazione delle popolazioni sfollate.

Dal 1° gennaio 2002 al 12 gennaio 2002, il tasso di mortalità è di 2,3 decessi al giorno ogni 10.000 persone, circa due volte superiore alla soglia di gravità e 4 volte superiore al tasso di mortalità in situazioni “fuori-crisi”.

I bambini di età inferiore ai cinque anni sono i più colpiti. Nello stesso periodo, il tasso di mortalità per i bambini con meno di 5 anni è di 5, 7 decessi al giorno ogni 10.000 individui, circa 2,5 volte superiore alla soglia di gravità e 5 bolte superiore alle situazioni ” fuori-crisi” in questa fascia di popolazione. I decessi di bambini di età inferiore ai 5 anni costituiscono il 75% dei decessi sul totale della popolazione presa in esame in questo periodo.

L’indagine di Epicentre conferma la gravità della crisi nutrizionale in atto. ” La prevalenza della malnutrizione acuta globale nella zona di Chiteta resta rilevante, anche se le azioni d’urgenza portate avanti da MSF nel Municipio di Bailundo dala fine di maggio 2002 hanno sicuramente iniziato ad arginare il livello di mortalità che comunque resta elevato”, ha dichiarato Vincent Brown, medico epidemiologo.
L’indagine ha rivelato un tasso di malnutrizione globale del 18% e di malnutrizione grave del 5,9% nei bambini di età inferiore ai cinque anni.
1 bambino su 6 è malnutrito, e è difficile sapere se le quantità di cibo che arrivano nei campi sono sufficienti per prevenire un peggioramento delle condizioni dei bambini moderatamente malnutriti.
La principale causa di mortalità e la malnutrizione, ma questa è anche legata ad altre patologie che colpiscono le persone indebolite dalla malnutrizione.

Ancora oggi l’aiuto internazionale è insufficiente per rispondere alla quantità di bisogni vitali di queste popolazioni. In più, le difficoltà di accedere alle zone di acquartieramento costituiscono un forte intralcio al lavoro delle squadre di MSF.
Oggi è essenziale garantire a queste popolazioni un aiuto nutrizionale e sanitario immediato, in tutte le zone in cui queste si trovino
.

Il cessate-il-fuoco firmato il 4 aprile 2002 ha permesso di raggiungere popolazioni non raggiunte dagli aiuti umanitari fin dal 1998. Oggi sono più di 192 i volontari internazionali e 2000 i collaboratori locali 14.000 sono le persone gravemente malnutrite curate nei 44 centri nutrizionali aperti in 11 delle 18 province del paese.

Lascia un Commento

Condividi con un amico