In aumento la tubercolosi resistente ai farmaci

  • Tubercolosi

Roma – Nuovi e allarmanti dati attestano che la portata globale della tubercolosi resistente ai farmaci (TB MDR) è molto più vasta di quanto stimato in precedenza, e richiede uno sforzo internazionale concertato per combattere questa forma letale della malattia.

In occasione della Giornata Mondiale della Tubercolosi, il 24 marzo, l’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) intende accendere un riflettore sulla lotta a questa malattia. MSF esorta Governi, donatori internazionali e compagnie farmaceutiche a combattere la diffusione della tubercolosi resistente ai farmaci attraverso nuovi finanziamenti e sforzi per sviluppare metodi diagnostici e medicinali efficaci e a basso costo.

La crisi globale legata alla tubercolosi resistente ai farmaci coincide con una grave mancanza nell’accesso alla diagnosi e al trattamento. I metodi diagnostici e i farmaci esistenti sono obsoleti e molto cari e la mancanza di fondi adeguati agevola l’ulteriore diffusione della malattia. Nel mondo, meno del 5% dei malati di TB ha accesso a test di diagnosi di resistenza ai farmaci e si stima che solo il 10% dei malati di TB MDR abbiano accesso alle cure, molti meno nei contesti con pochi mezzi a disposizione, dove la prevalenza è maggiore.

Ovunque si guardi, i numeri della TB resistente ai farmaci sono allarmanti e ciò ci suggerisce che le statistiche sul problema mostrano solo la punta dell’iceberg”, dichiara Unni Karunakara, Presidente di MSF. “Mentre il 95% dei malati di TB MDR nel mondo non ha accesso a una diagnosi adeguata, gli sforzi per aumentare la rilevazione dei casi di TB MDR sono messi a repentaglio da una diminuzione dei finanziamenti dei donatori, proprio ora che ce ne sarebbe più bisogno”.

Scioccanti i dati raccolti da MSF nei suoi progetti

Nel nord dell’Uzbekistan, in Asia centrale, il 65% dei pazienti curati da MSF nel 2011 sono risultati affetti da TB-MDR. Di questi, circa il 30-40% si era recato alle cliniche di MSF per la prima volta, un numero senza precedenti che sta a indicare che la resistenza ai farmaci non è dovuta solo a precedenti trattamenti per la TB non corretti ma si sta trasmettendo come tale.

In Sud Africa, dove l’incidenza di TB è tra le più alte al mondo, MSF ha visto un aumento del 211% delle diagnosi mensili di TB nel programma a KwaZulu Natal, grazie all’introduzione di un nuovo test di diagnosi rapido. Di questi pazienti, il 13,2% è risultato resistente alla rifampicina, uno dei farmaci di prima linea più efficaci per la cura della TB.

In India, la vendita di farmaci nel mercato nero e un settore sanitario privato non regolamentato alimentano lo sviluppo della resistenza ai farmaci. Circa 99.000 persone prendono la TB MDR ogni anno e di questi solo l’1% riceve cure adeguate.

In Myanmar, dei circa 9.300 nuovi casi l’anno di TB MDR, solo 300 finora hanno ricevuto trattamenti. La cancellazione di un intero ciclo di finanziamenti del Fondo Globale per l’HIV, Tubercolosi e Malaria minaccia gravemente il piano quinquennale del Myanmar di curare altre 10.000 persone per la TB MDR, oltre ai piani di molti altri Paesi.

Una crisi globale

La crisi globale è esacerbata da una tempesta perfetta di regimi di trattamento lunghi (circa due anni) e farmaci altamente tossici, molti dei quali sono stati sviluppati a metà del secolo scorso e hanno sgradevoli effetti collaterali. La riduzione dei fondi – specialmente i tagli del Fondo Globale – e un mercato controllato da poche aziende farmaceutiche, ha tenuto i prezzi di alcuni farmaci a livelli proibitivi. Inoltre, l'uso massiccio di un nuovo strumento diagnostico rapido, con la possibilità di aumentare enormemente la diagnosi precoce della TB MDR in condizioni di scarse risorse, è inibita dal prezzo troppo alto. Proprio dove la capacità di diagnosticare la TB in poche ore – invece di giorni o addirittura settimane – sarebbe necessaria per salvare vite umane.

Urgono regimi di trattamento più brevi e farmaci meno tossici, oltre a formulazioni pediatriche e un test “point of care”. Un test al point-of-care (POCT) è definito come un'analisi medica svolta in prossimità del sito di cura ed assistenza del paziente. Il concetto trainante di questo test è quello di portarlo ed eseguirlo nel modo più comodo e immediato per il paziente. Ciò aumenta la probabilità che il paziente, il medico, ed il team assistenziale riceva i risultati più rapidamente. Devono infine essere applicate misure di regolamentazione per prevenire un'ulteriore diffusione della malattia a causa della cattiva gestione da parte dei sanitari.

Abbiamo bisogno di nuovi farmaci, più ricerca, nuovi programmi e un rinnovato impegno da parte di donatori internazionali e Governi per combattere questa malattia mortale”, conclude Unni Karunakara. “Solo così verranno diagnosticate e curate più persone. Il mondo non può più stare a guardare e ignorare la minaccia della tubercolosi resistente. Dobbiamo agire ora”.

Lascia un Commento

Condividi con un amico