Conferenza Internazionale sull’’AIDS 2012: i discorsi dei donatori contrastano con l’emergenza in atto

  • HIV/AIDS
  • Sudafrica

Johannesburg/Roma – Mentre i nuovi dati forniti delle Nazioni Unite sui risultati ottenuti nella lotta contro l'HIV/AIDS stanno scatenando l'ottimismo in vista della Conferenza Internazionale sull'AIDS 2012 a Washington, l’organizzazione medico umanitaria Medici Senza Frontiere  ricorda che i Paesi più colpiti dalla pandemia continuano a lottare per porre sotto trattamento un numero sufficiente di persone e per utilizzare al meglio i risultati scientifici e le strategie per combattere la malattia.

Nel momento in cui leader politici e scienziati si preparano a discutere le ultime iniziative necessarie per aumentare gradualmente le cure a un livello tale da porre potenzialmente fine all'epidemia, sette milioni di persone hanno ancora bisogno di accesso urgente ai farmaci antiretrovirali. Mentre l'Agenzia delle Nazioni Unite per l'AIDS (UNAIDS) stima che 1,4 milioni di persone hanno iniziato la terapia antiretrovirale nel 2011, gli sforzi dovranno raddoppiare per raggiungere l'obiettivo globale di 15 milioni di persone in cura entro il 2015. Allo stesso tempo, il dibattito internazionale invita sempre più gli Stati africani a mettere in campo le proprie risorse nazionali per l'emergenza HIV.

"Sarebbe scandaloso pensare che gli Stati africani possano combattere questa emergenza da soli, date le loro attuali risorse limitate", dichiara Eric Goemaere, consulente di MSF sull’HIV per l'Africa australe. "È solo un cinico pretesto dei paesi donatori per ridimensionare i loro impegni precedenti di porre fine a questa malattia. Avrà conseguenze catastrofiche per i pazienti".

In Repubblica Democratica del Congo (RDC), meno del 15% dei pazienti che necessitano di terapia antiretrovirale la riceve, solo l’11% delle strutture sanitarie offre il trattamento e meno del 6% di madri sieropositive ha accesso ai farmaci antiretrovirali per prevenire la trasmissione dei virus ai loro bambini.

"Visitiamo pazienti gravemente malati che hanno disperatamente cercato di avere accesso alle terapie antiretrovirali”, racconta Thierry Dethier, esperto di HIV per MSF in Congo. “Per troppi, la malattia è progredita a tal punto che stanno letteralmente morendo alle nostre porte".

Alcuni governi hanno fatto passi avanti coraggiosi per affrontare la pandemia dell’HIV/AIDS. Negli ultimi anni, in Zimbabwe e Malawi, i programmi di cura sono stati sostanzialmente ampliati. Il Malawi è stato il primo paese in Africa ad attuare i protocolli per la prevenzione della trasmissione da madre a figlio, che prevedono cure a lungo termine per le mamme sieropositive in attesa o in allattamento. Il Mozambico ha recentemente adottato un protocollo simile, che prevede la prescrizione di trattamenti di prima linea migliori e il monitoraggio dei progressi compiuti mediante test sulla carica virale.

Ciononostante, i piani per incrementare il trattamento e migliorare la qualità delle cure rischiano di essere interamente demoliti a causa del ristagno del supporto internazionale, mentre i donatori fanno finta di dimenticare gli impegni presi in precedenza. Importanti istituzioni nella lotta contro la pandemia come il Fondo Globale affrontano un grave calo dei finanziamenti a causa del minor interesse dei donatori.

"In Malawi ci impegniamo ad attuare programmi basati sui recenti progressi scientifici”, dichiara Stuart Chuka, responsabile nazionale del programma antiretrovirale dal Ministero della Sanità del Malawi. “Eppure, proprio quando il successo è a portata di mano, siamo di fronte a una grande stretta finanziaria. Credo davvero che possiamo sconfiggere l’AIDS. Ma non possiamo farcela da soli".
 

MSF ha iniziato a curare le persone affette da HIV nel 1990 e a fornire farmaci antiretrovirali (ARV) in Camerun, Thailandia e Sud Africa nel 2000. L’organizzazione ha attualmente in cura completa oltre 210.000 persone sieropositive in 19 paesi, tra cui più di 180.000 persone in trattamento antiretrovirale. MSF lavora anche per ridurre la trasmissione dell'HIV da madre a figlio fornendo cure alle madri e ai bambini immediatamente prima e dopo la nascita.

 

Lascia un Commento

Condividi con un amico