Covid-19 Yemen: seconda ondata travolge le strutture mediche

  • Epidemia
  • Yemen
Covid-19 Yemen: seconda ondata travolge le strutture mediche
  • Epidemia
  • Yemen

Stiamo assistendo a un drammatico aumento di pazienti Covid-19 in condizioni critiche e con bisogno di ospedalizzazione ad Aden e molte altre aree dello Yemen.

Chiediamo a tutte le organizzazioni medico-umanitarie presenti in Yemen di rafforzare rapidamente la risposta all’emergenza. I donatori internazionali che hanno tagliato i finanziamenti allo Yemen devono agire al più presto. Mancano risorse per affrontare l’emergenza e serve maggiore supporto internazionale su tutti i fronti, dalla promozione alla salute alle campagne di vaccinazione*, alla fornitura di ossigeno”. Raphael Veicht Capomissione MSF in Yemen

Sistema sanitario yemenita al collasso

Dopo 6 anni di conflitto, il sistema sanitario yemenita è paralizzato e le terapie intensive sono limitate.

Siamo in azione al centro di trattamento Covid-19 dell’ospedale di Al Gamhouria ad Aden, dove gestiamo gli 11 posti letto della terapia intensiva, attualmente al completo, e i 46 del reparto di degenza, con un team formato da più di 100 medici, infermieri e staff di supporto che lavorano senza sosta per rispondere all’emergenza.

Purtroppo, molti pazienti che arrivano sono già in gravi condizioni. Gran parte di loro hanno bisogno di ossigeno e cure mediche, altri di ventilazione meccanica, pratica tecnicamente difficile che richiede una preparazione altamente specializzata”. Line Lootens Coordinatore medico di MSF in Yemen

Stiamo inoltre promuovendo attività di sensibilizzazione perché la popolazione yemenita segua le misure di prevenzione contro il Covid-19, come il distanziamento sociale, l’igiene delle mani, l’uso rigoroso della mascherina, la ricerca di cure specialistiche alla comparsa di sintomi gravi.

Abbiamo risposto all’emergenza Covid-19 con il supporto del ministero della salute e della popolazione e della direzione generale dell’ospedale Al Gamhouria.

Il rapido aumento dei casi delle ultime settimane è davvero preoccupante”. Raphael Veicht Capomissione MSF in Yemen

Il centro di trattamento Covid-19 di Al Gamhouria è stato allestito nel 2020 durante la prima ondata e successivamente, con il diminuire dei casi, affidato al Ministero della salute. Con l’aumento dei casi dall’inizio del mese, abbiamo ripreso l’intervento di emergenza in collaborazione con le autorità sanitarie locali.

*Il 31 marzo 2021 lo Yemen ha ricevuto un primo lotto di 360.000 dosi di vaccino contro il coronavirus attraverso il meccanismo Covax.

Condividi con un amico