Crisi dei prezzi del cibo

  • Malnutrizione

Mentre vengono mobilitati gli aiuti alimentari in risposta alla crisi globale dei prezzi del cibo, Medici Senza Frontiere (MSF) ricorda che inviare cibo per adulti per nutrire i bambini non li salverà dal rischio di malnutrizione. MSF ha oggi chiesto ai governi donatori di garantire che i loro aiuti includano alimenti specifici per i bambini.

MSF sostiene gli appelli per un aumento degli aiuti alimentari, ma avverte che questi non saranno sufficienti.“Abbiamo osservato che quando i prezzi del cibo aumentano, per prima cosa si riducono i prodotti come il latte di cui i bambini hanno maggiormente bisogno”, afferma la dottoressa Susan Shepherd, esperta di nutrizione della Campagna per l’Accesso ai Farmaci Essenziali di MSF. “Per questo motivo è di estrema importanza che i donatori istituzionali forniscano non solo farine arricchite, che rispondono ai bisogni degli adulti, ma anche alimenti specificamente pensati per le esigenze dei bambini in crescita”.

In alcune località dove MSF lavora i prezzi del cibo stanno aumentando spaventosamente. Per esempio, in Sierra Leone, i prezzi di zucchero, farina, olio e riso sono aumentati da dicembre a febbraio del 40% secondo le analisi effettuate da MSF nei mercati locali.

Gli aiuti alimentari tradizionali continuano a fornire ai bambini cibi inadeguati, come le farine miste fortificate che non contengono tutti gli elementi nutritivi di cui i bambini hanno bisogno. I bambini hanno bisogno di una dieta che contenga elementi nutritivi specifici inclusi nel cibo di origine animale, come quelli contenuti nel latte. Senza gli elementi nutritivi essenziali, i bambini sono a rischio di malnutrizione, il che comporta una maggiore vulnerabilità alle malattie e un maggiore rischio di morte.

“Sfortunatamente i donatori istituzionali continuano ad applicare un approccio unidirezionale agli aiuti alimentari”, afferma la dottoressa Shepherd. “Aiuti alimentari sbagliati significano che i bambini continueranno a diventare malnutriti, ammalarsi e morire anche quando tutto ciò potrebbe essere evitato”.

Da un punto di vista nutrizionale, una finestra temporale critica per i bambini è quella dai 6 mesi ai due anni. Solitamente, a 6 mesi la madre inizia ad aggiungere altro cibo all’allattamento al seno. Ma per le madri nelle zone più colpite dalla malnutrizione, come il Corno d’Africa e il Sahel e alcune regioni asiatiche, è difficile soddisfare i bisogni nutritivi dei bambini, o perché il cibo è troppo costoso, o perché gli alimenti adeguati non sono disponibili. La situazione ovviamente peggiora nel momento in cui i prezzi del cibo aumentano.

Cambiare gli aiuti alimentari per rispondere ai bisogni dei bambini è possibile. Alimenti ricchi di elementi nutritivi adatti alle esigenze specifiche dei bambini esistono e sono stati usati con successo dai ministeri della salute e dalle organizzazioni internazionali. Gli alimenti terapeutici pronti all’uso (RUTF – Ready to Use Therapeutic Food) che non hanno bisogno di cottura né di acqua o refrigerazione, contengono l’intera gamma di elementi nutritivi di cui un bambino ha bisogno in una crema energetica a base di ingredienti come il latte in polvere. MSF chiede ai governi donatori di modificare i loro aiuti alimentari e di sviluppare nuove strategie nel fornire alimenti supplementari.

Le famiglie dovrebbero potere comprare alimenti diversificati per nutrire i loro bambini, ma quando questo non è possibile occorre garantire l’accesso ad alimenti supplementari per evitare che i bambini diventino malnutriti.

La malnutrizione è un’emergenza medica che ogni anno contribuisce alla morte di cinque milioni di bambini sotto i cinque anni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che ci siano 178 milioni di bambini malnutriti al mondo e che, in ogni momento, 20 milioni soffrano di malnutrizione grave.
 

Lascia un Commento

Condividi con un amico