Dal 2 al 4 ottobre saremo al Festival di Internazionale a Ferrara

  • Migrazione
  • Italia

Per il settimo anno, MSF è partner del Festival “Internazionale a Ferrara". Tre giorni di incontri, dibattiti ed eventi che ci danno modo di accendere un riflettore sull’azione medico-umanitaria insieme a importanti ospiti italiani e internazionali e davanti a un pubblico sempre molto attento e impegnato. Il tema delle migrazioni forzate sarà al centro della nostra presenza al Festival ma i temi che approfonderemo saranno tanti: dal massacro di Srebrenica 20 anni dopo, all’epidemia di Ebola che è ancora in corso in Africa occidentale, dalle nuove tecnologie alle riflessioni sul futuro dell’azione umanitaria.

La sera di sabato 3 ottobre, nel secondo anniversario della strage di Lampedusa, MSF organizza un grande evento in Piazza Comunale per ricordare le persone che ogni giorno rischiano la propria vita per fuggire da violenze o povertà e non hanno vie sicure per raggiungere l’Europa.

Per tutti i giorni del Festival inoltre l’MSF-Corner in Piazza Trento e Trieste ospiterà una serie di incontri informali sul mondo di MSF e l’azione medico-umanitaria: un’occasione per il pubblico di incontrare personalmente gli operatori umanitari, i responsabili e i volontari dell’organizzazione.

Video: La nostra partecipazione nel 2014

 

Il programma di MSF al Festival di Internazionale a Ferrara 2015:

Venerdì 2 ottobre
ore 19.00, Teatro Comunale
Srebrenica, 20 anni dopo
Come la comunità internazionale abbandonò la Bosnia e permise il genocidio

Venti anni fa la strage di Srebrenica si consumava nel silenzio; almeno 8.000 civili furono massacrati e circa 40.000 persone furono deportate per mano dell’esercito serbo di Bosnia all’interno dell’enclave dichiarata nel 1993 zona di sicurezza ONU. Medici Senza Frontiere fu testimone della tragedia e del fallimento della missione UNPROFOR nella protezione della popolazione civile. Dopo tanti anni molti degli interrogativi restano aperti. Perché la Nato non è intervenuta? Perché le Nazioni Unite sono state incapaci di opporsi ad azioni criminali contro i civili?  Contribuire a ristabilire la verità, chiedere trasparenza nelle operazioni di mantenimento della pace resta anche una nostra responsabilità.

Con Ed Vulliamy, Giornalista, Christina Schmidt, testimone, Meinie Nicolai, presidente MSF Belgio, Ennio Remondino, corrispondente
Introduce e modera: Jacopo Zanchini, Internazionale

 

Sabato 3 ottobre
ore 11.00, Ridotto del Teatro Comunale
Scienza o Fantascienza?
Nuove tecnologie al servizio dell’azione umanitaria.

Droni, tablet resistenti all’acqua, georeferenziazione, innovazioni in campo medico: che cosa ha portato la tecnologia in ambito umanitario? Com’è cambiato il modo di rispondere alle emergenze umanitarie? Quali sono i possibili rischi e i potenziali benefici?

Con Miriam Orcutt, London School of Hygiene and Tropical Medicine, Ivan Gayton, MSF Manson Unit*
Introduce e modera: Michele Farina, Corriere della Sera

[*La Manson Unit è un’équipe di esperti che si occupa di migliorare la qualità dei programmi medici di MSF]

 

ore 14.00, Cinema Apollo
#Milionidipassi verso l’Europa
La sfida umanitaria più urgente

Il numero di persone in fuga da conflitti e povertà non è mai stato così alto. Guerre, instabilità politica, crisi economica, cambiamenti climatici alimentano movimenti migratori con cui i paesi occidentali ancora faticano a confrontarsi.Politiche migratorie restrittive negano sicurezza e integrazione, e spesso costringono le persone in fuga ad affrontare percorsi illegali e rischiosi. L’Europa è diventata teatro di una crisi umanitaria senza precedenti, di fronte alla quale i Paesi membri sembrano incapaci di fornire risposte adeguate.

Con Loris De Filippi, presidente MSF Italia, Federico Soda Organizzazione Mondiale per le Migrazioni, Nando Sigona, University of Birmingham
Introduce e modera: Corrado Formigli, La7

 

ore 19.00, Ridotto del Teatro Comunale
Previsioni di futuro
Come sarà l’azione umanitaria tra 10 anni?

Gli scenari geopolitici, sociali ed economici internazionali hanno subito mutamenti che hanno messo a dura prova l'azione umanitaria, che sta ora affrontando sfide inedite, problematiche di accesso e sicurezza e nuovi attori coinvolti.

Con Jonathan Whittall MSF, Antonio Donini Tufts University, Sara Pantuliano Overseas Development Institute
Introduce e modera: Lucia Goracci, Rainews24

 

Ore 22.00, Piazza Municipale
Concerto
Passi in musica per aiutare chi fugge                  

Performance musicale di Alessio Bertallot, Paolo Fresu, Gianluca Petrella
a favore della campagna di MSF #Milionidipassi

Conducono: Sara Zambotti e Massimo Cirri, Rai Radio2 – Caterpillar

 

Domenica 4 Ottobre
ore 11.00, Teatro Nuovo
A lezione di Ebola
Cosa abbiamo imparato da un’emergenza sanitaria senza precedenti: il mondo è pronto a una nuova epidemia?

Un anno fa in Africa Occidentale si raggiungeva il picco di un’epidemia di Ebola senza precedenti in termini di aree geografiche coinvolte, numero di casi e decessi. Oggi, mentre la regione combatte ancora per fermare la malattia, la comunità internazionale si interroga su una serie di questioni particolarmente critiche: controllo delle epidemie, trattamenti da somministrare, sviluppo dei vaccini, capacità di risposta dei sistemi sanitari, fiducia all’interno delle comunità, governance e capacità di risposta sia a livello nazionale sia globale.

Con Joanne Liu, Presidente internazionale di MSF, Richard Brennan, Organizzazione Mondiale della Sanità, Moses Massoquoi, Clinton Foundation e Head of Case Management durante l’epidemia di Ebola in Liberia
Introduce e modera: Concita De Gregorio, giornalista e scrittrice

 

Ore 14.30, Ridotto del Teatro Comunale
Il volto umano delle migrazioni
Stereotipi da contraddire e ruolo dell’informazione nel raccontare le popolazioni in fuga

L’uso del linguaggio e delle immagini, gli stereotipi e i miti da contraddire nella rappresentazione mediatica delle persone che fuggono da violenze e persecuzioni e giungono in Europa. Che ruolo svolge l’informazione? E’ possibile cambiare la percezione del pubblico?

Con Valerio Cataldi, TG2, Francesco Zizola, fotografo, Amin Nour, attore
Introduce e modera: Francois Dumont, direttore della comunicazione MSF

 

MSF CORNER. Uno spazio dedicato all'azione di Medici Senza Frontiere e una finestra sul mondo. Nei tre giorni del Festival si succederanno incontri con giornalisti e professionisti del settore, confronti e testimonianze degli operatori umanitari, proiezioni di documentari.Saranno disponibili materiali informativi e merchandising solidale.
Domenica 4 ore 12.30 estrazione della lotteria a favore di MSF. 
Piazza Trento e Trieste
2, 3 e 4 ottobre. Orario 10.00-21.00

 

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Il programma completo è disponibile on line: http://www.internazionale.it/festival/programma/

Lascia un Commento

Condividi con un amico