Giù le mani dalle nostre medicine

  • Accesso ai farmaci
  • India

L’India è la “Farmacia dei Poveri” perché milioni di persone nei Paesi in Via di Sviluppo sono in vita grazie al basso costo dei prezzi dei farmaci in India. Anche MSF dipende dall’India per trattare numerose malattie grazie all’acquisto di farmaci generici a prezzi accessibili; per esempio, più dell’80% degli antiretrovirali che usiamo nei nostri programmi HIV sono indiani.

Per anni, le multinazionali farmaceutiche hanno fatto pressione sull’India affinché modificasse le sue leggi sui brevetti farmaceutici, che antepongono le persone al profitto e permettono di produrre versioni più economiche dei farmaci generici. È storia nota che nel 2006, la casa farmaceutica svizzera Novartis ha fatto causa al governo indiano, dopo che alla società era stato negato un brevetto su un farmaco contro il cancro. Sette anni dopo, la Novartis ha perso la sua battaglia davanti alla Corte Suprema indiana, con una sentenza storica emessa nell’aprile del 2013. È stata una grande vittoria della campagna per l’accesso ai farmaci essenziali. 

Recenti dibattiti all’interno del governo indiano, guidati dal Primo Ministro Narendra Modi, mostrano segni di cedimento dell’India sotto il nuovo attacco congiunto delle aziende farmaceutiche, Stati Uniti, Unione Europea e altri paesi ricchi. La pressione per apportare modifiche alle leggi e alle policy indiane viene attuata attraverso molti canali, compresi i negoziati per l’accordo commerciale, la diplomazia bilaterale e altri forum pubblici e privati.

Il Primo Ministro Modi sostiene che l’India abbia bisogno di cambiare il suo sistema sui brevetti per conformarsi allo stile europeo e statunitense e favorire gli investimenti e gli scambi esteri. Una tale mossa significherebbe maggiore protezione della proprietà intellettuale per le multinazionali farmaceutiche e ritardi o blocchi nella disponibilità di farmaci generici indiani a prezzi accessibili; questo sarebbe disastroso per i pazienti di MSF e per milioni di persone in tutto il mondo che si affidano a quest’ancora di salvezza. 

L’India gioca un ruolo fondamentale sulla salute globale. Con la campagna “Hands Off Our Meds“ (Giù le mani dalle nostre medicine) chiediamo al Primo Ministro indiano Narendra Modi di non svendere la vita di fronte alla pressione delle aziende farmaceutiche internazionali. 

Partecipa anche tu! Condivi l’appello sui social network:

 

Se l'India modificasse le sue leggi sui brevetti farmaceutici, non ci sarebbero più farmaci salva-vita a prezzi…

Posted by Medici Senza Frontiere on Lunedì 24 agosto 2015

 

Lascia un Commento

Condividi con un amico