Haiti MSF assiste la popolazione colpita dall’’uragano e dalle inondazioni

  • Haiti

Leggi l’intervista di Massimiliano Cosci, capo missione di MSF a Haiti, al Corriere della Sera >>

 

Dopo il passaggio dell’uragano Gustav due settimane fa, l’uragano Hanna ha causato danni notevoli alla costa haitiana l’1 e il 2 settembre. Molte città sono state inondate ed è difficile, quando non impossibile, raggiungerle.

Secondo le autorità, da 25mila a 30mila case sono state distrutte e oltre 500 persone sono morte in tutto il paese. Le persone hanno scarso accesso a cibo e acqua potabile, e moltissimi raccolti sono andati distrutti.

Giovedì 4 settembre un’equipe di MSF con 8 operatori umanitari è giunta a Gonaives (nella regione nord-occidentale del paese) per rimettere in funzione il centro di salute di Rabouteau, la sola struttura sopravvissuta (su 4 centri di salute e un ospedale) dopo le inondazioni. Grazie al sostegno della popolazione locale, MSF ha potuto pulire la struttura, rifornirla di farmaci e riavviare la sala operatoria. Il 5 settembre MSF ha effettuato 10 consultazioni, curato 49 feriti e operato 16 persone.

Sabato le persone hanno iniziato a fuggire dalla città a migliaia, in cerca di rifugio, dopo che le autorità hanno avvertito dell’arrivo dell’uragano Ike. Il centro di salute di Rabouteau sostenuto da MSF rimane la sola struttura sanitaria funzionante in città.

Una delle principali preoccupazioni è la mancanza di accesso all’acqua potabile per gli abitanti della città. Tutte le fonti d’acqua locali sono state contaminate dalle inondazioni. Questa preoccupazione è aumentata dal fatto che il personale medico locale ha abbandonato la zona.

Le equipe di MSF non hanno potuto raggiungere molte zone della città a causa delle inondazioni, rendendo difficile una corretta valutazione dei bisogni della popolazione.

Un medico di MSF si è recato nella giornata di sabato a Saint Michel de l’Atalaye, dove 400 persone erano rimaste senza cibo né acqua per 5 giorni. MSF ha trasportato un bambino a Gonaives per un’operazione chirurgica e ha distribuito acqua e cibo fornito dal Programma Alimentare Mondiale.

Un’equipe di 3 persone di MSF è andata a Cap Haitien per valutare le capacità di risposta all’emergenza e stabilire contatti con le autorità locali per aiutare a valutare i bisogni immediatamente dopo il passaggio dell’uragano Ike. Le equipe di MSF non sono state in grado di raggiungere molte delle zone inondate nella parte orientale della comunità. Gli ospedali e le strutture sanitarie nella zona sarebbero state gravemente danneggiate.

Domenica le zone inondate tra Gonaives, Port de Paix e Cap Haïtien non potevano essere raggiunte, mentre città come Enry o Gros Morne, seriamente colpite da Hanna, non hanno ricevuto alcuna assistenza. MSF continua a cercare di raggiungere queste zone, nonostante il nuovo uragano in arrivo potrebbe limitare la possibilità di raggiungere queste aree.

Le attività normali di MSF a Port-au-Prince, nel frattempo, continuano. MSF fornisce assistenza medica e chirurgica al centro traumatologico Trinité, cure ostetriche d’emergenza all’ospedale Jude Anne, e assistenza di base e d’emergenza attraverso un pronto soccorso e cliniche mobili nella bidonville di Martissant. Una clinica mobile si è inoltre recata nella bidonville di La Saline all’inizio della scorsa settimana.

Ike, un uragano di categoria 4, ha nel frattempo raggiunto le vicinanze di Haiti e le piogge sono nuovamente iniziate.

Lascia un Commento

Condividi con un amico