I protocolli sulla migrazione USA mettono in pericolo la vita dei richiedenti asilo nel pericoloso stato di Tamaulipas

  • Migrazione
  • Messico

I protocolli sulla migrazione USA mettono in pericolo la vita dei richiedenti asilo nel pericoloso stato di Tamaulipas

  • Migrazione
  • Messico

I protocolli per la protezione dei migranti (PPM) adottati dal governo degli Stati Uniti e la mancanza di assistenza umanitaria da parte del governo messicano mettono in pericolo la vita dei richiedenti asilo nello stato di Tamaulipas, in Messico.

I protocolli costringono infatti i richiedenti asilo ad aspettare in Messico mentre le loro richieste vengono elaborate, vivendo in città come Matamoros dove la scarsità di infrastrutture e alti tassi di violenza – tra cui rapimenti, estorsioni, rapine a mano armata e violenza sessuale – mettono a rischio la loro salute e la loro stessa vita.

È inaccettabile che persone vulnerabili – donne, bambini, uomini e intere famiglie – siano costrette a vivere in condizioni pericolose, esposte alla violenza delle bande criminali e trattati senza umanità dalle autorità messicane e americane. Marcelo Fernandez Capo missione di MSF in Messico

Da quando i protocolli sono stati implementati ad agosto a Matamoros, le nostre équipe hanno visto il ritorno forzato di oltre 100 richiedenti asilo ogni giorno.

La città dispone di pochi campi e non è preparata per accoglierli. La maggior parte di loro vive in condizioni malsane con scarso accesso all’acqua e ai servizi sanitari. Alcuni vivono in tende di fortuna in mezzo alle strade, esposti alla violenza dei gruppi criminali che lottano per il controllo della zona.

Le nostre équipe forniscono cure mediche e psicosociali a migranti e rifugiati in alcuni dei campi – tutti sovraffollati – nelle città di Nuevo Laredo, Reynosa e Matamoros nello stato di Tamaulipas, considerato dal governo americano uno dei più pericolosi del Messico.

La situazione è peggiorata da luglio, quando abbiamo denunciato i rischi per i richiedenti asilo a Tamaulipas.

Mi hanno rimandato a Matamoros con mia figlia. Le autorità messicane non mi hanno dato nessuna informazione su dove fossero i campi e dove avremmo potuto passare la notte. Non conosco questo posto, so solo che è pericoloso. Monica richiedente asilo dell’Honduras

Esprimiamo preoccupazione anche per la recente misura del governo messicano di trasferire gruppi di persone nella parte meridionale del Paese, condannandoli definitivamente a ricominciare il loro viaggio verso nord lungo strade altamente pericolose, ponendo la loro vita nuovamente in pericolo.

Tra giugno 2018 e luglio 2019, il 45% dei 2.315 pazienti assistiti dalle nostre équipe di salute mentale a Reynosa e Matamoros (migranti, richiedenti asilo, rifugiati o rimpatriati) hanno dichiarato di aver subito violenze durante il loro viaggio attraverso il Messico. Uno su tre è stato aggredito fisicamente, mentre uno su cinque è sopravvissuto a violenze sessuali.

Chiediamo al governo USA di porre fine al ritorno forzato dei richiedenti asilo verso i paesi in cui hanno subito violenza e persecuzione. Ci appelliamo di nuovo ai governi di USA e Messico per fermare queste pericolose politiche migratorie che mettono a rischio la vita delle persone. I governi di USA e Messico devono adottare misure che proteggono le persone sfollate e garantire loro l’assistenza umanitaria di cui hanno urgente bisogno.

Dal 2012, forniamo cure mediche e assistenza psicologica ai migranti, provenienti per lo più da Honduras, Guatemala e El Salvador, lungo la rotta migratoria in Messico. I nostri team forniscono assistenza negli stati di Baja California, Tabasco, Veracruz, Tamaulipas, Oaxaca, Chiapas, Hidalgo, Stato del Messico, San Luis Potosi, Jalisco e Città del Messico.

Condividi con un amico