Liberia la popolazione in fuga dagli scontri è intrappolata e tagliata fuori da ogni forma di assistenza

  • Liberia

MSF chiede all'ACNUR e al governo liberiano di allestire un campo profughi in una zona sicura.

Roma, 13 marzo 2003. Medici Senza Frontiere (MSF), organizzazione internazionale di soccorso medico, è estremamente preoccupata riguardo al destino di migliaia di persone che si trovano nel distretto di Grand Gedeh (Est della Liberia), rimaste intrappolate in questa zona a causa della crescente insicurezza per più di una settimana. I recenti scontri hanno costretto MSF e altre organizzazioni a evacuare l'area e migliaia di persone a mettersi in fuga.

MSF era operativa nel distretto di Grand Gedeh, fornendo assistenza ai rifugiati e ai rimpatriati fuggiti dal conflitto esploso nella vicina Costa d'Avorio. Nel distretto ci sono circa 45.000 rifugiati (rimpatriati liberiani, profughi provenienti dalla Costa d'Avorio). Migliaia di loro sono bloccati in un centro di transito per rifugiati, a pochi chilometri dalla zona in cui sono in atto gli scontri in Costa d'Avorio e dove si registrano costanti movimenti di miliziani. Oggi, una parte di questa zona è tagliata fuori da ogni forma di assistenza.

"Nel campo di transito di Toe Town, i team di MSF forniva assistenza medica e acqua potabile a circa 1.300 persone", spiega il Dottor Hani Khalifa, coordinatore medico di MSF in Liberia. "All'inizio di marzo, durante l'attacco a Toe Town, i rifugiati sono fuggiti dal campo e dalle comunità ospitanti nei pressi di Toe Town. Da allora non abbiamo più avuto la possibilità di avere notizie sulle sorti di queste persone. Secondo rapporti non ufficiali molti di loro sarebbero fuggiti nella foresta e molte famiglie sarebbero state separate."

A causa dell'elevata insicurezza è anche impossibile fornire assistenza alla popolazione locale, ugualmente intrappolata in questa regione estremamente pericolosa, come drammaticamente dimostrato dall'uccisione di tre operatori umanitari durante l'attacco a Toe Town. I team di MSF non hanno potuto fare ritorno per verificare la situazione e fornire assistenza.
Dopo una verifica sulle condizioni di sicurezza, MSF ha deciso di continuare le sue attività nel campo di transito di Zwedru, 200 chilometri a sud di Toe Town, fornendo assistenza sanitaria, supporto nutrizionale, acqua potabile a 5,000 rifugiati, la maggior parte provenienti dal Burkina Faso, dal Mali e dal Benin. "Zwedru dovrebbe essere solo un centro di transito, ma centinaia di persone sono lì da dicembre," afferma Pierre Mendiharat, capo-missione di MSF in Liberia.

MSF rivolge un appello urgente alle autorità liberiane e all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR) affinché venga aperto un altro campo, in un'area sicura dove sia possibile offrire un'assistenza adeguata e dove siano garantite condizioni di sicurezza e protezione. I rifugiati e gli sfollati di Toe Town e Zwedru dovrebbero essere spostati il prima possibile. Inoltre, MSF chiede all'ACNUR e alle relative autorità di facilitare il rimpatrio dei profughi nei loro paesi di origine.

Lascia un Commento

Condividi con un amico