Malnutrizione. Gli alimenti terapeutici pronti all’uso possono anche prevenire oltre che curare la malnutrizione

  • Malnutrizione

New York/Roma – Secondo uno studio pubblicato dal Journal of American Medical Association (JAMA), i bambini nelle zone rurali del Niger che hanno ricevuto alimenti terapeutici pronti all’uso in aggiunta alla loro dieta normale presentano un rischio inferiore del 60% di sviluppare le forme più letali di malnutrizione rispetto ai bambini la cui dieta non era arricchita.

“Gli alimenti terapeutici pronti all’uso sono raccomandati dalle Nazioni Unite per la cura delle forme più gravi della malnutrizione”, afferma Rebecca Freeman Grais, uno degli autori dello studio per Epicentre, il centro di ricerca di Medici Senza Frontiere. “Ma questo studio controllato dimostra come gli alimenti terapeutici pronti all’uso possano anche prevenire la malnutrizione”.

Lo studio del 2006-2007 è stato condotto in dodici villaggi nel distretto di Maradi, in Niger, durante il periodo tra i due raccolti, e ha incluso 3533 bambini tra i 6 mesi e i 5 anni in questi villaggi.

Circa la metà dei bambini ha ricevuto una razione giornaliera di alimenti terapeutici pronti all’uso per tre mesi in aggiunta alla loro dieta regolare. Durante il periodo di prova di 8 mesi, i bambini in entrambi i gruppi erano monitorati una volta al mese. I risultati hanno mostrato che quei bambini che avevano ricevuto gli alimenti terapeutici pronti all’uso presentavano un minor rischio del 58% di soffrire di forme acute di malnutrizione.

“Questo studio ha un’implicazione diretta per i programmi di aiuti alimentari e i programmi nutrizionali”, afferma il dottor Tido von Schoen-Angerer, direttore della Campagna per l’Accesso ai Farmaci Essenziali di MSF. “Oggi, la gran parte degli aiuti alimentari per i bambini è costituita da farine arricchite come il Corn Soy Blend (CSB – miscela di grano e soia) fornito dall’USAID, che noi sappiamo non contenere gli elementi essenziali di cui i bambini hanno bisogno e che fa poco per prevenire la malnutrizione. Questo studio mostra che fornire un’alternativa appropriata dal punto di vista nutrizionale ai CSB funziona”.

La malnutrizione è concausa ogni anno della morte di un numero di bambini sotto i cinque anni stimato tra i 3,5 e i 5 milioni e ha conseguenze di lungo periodo in termini di povertà, sviluppo ed educazione. Prevenire la malnutrizione severa è importantissimo perché il sistema immunitario dei bambini gravemente malnutriti è così danneggiato che semplici malattie infantili come le infezioni respiratorie o i virus dello stomaco possono produrre rapidamente complicazioni e anche la morte.

Lo studio in Niger ha utilizzato la versione terapeutica degli alimenti pronti all’uso, che è un prodotto relativamente costoso. Ma è ragionevole credere che prodotti alternativi a basso costo possano avere simili effetti preventivi. Prodotti alternativi sono in questo momento studiati in diversi contesti da organizzazioni come l’UNICEF e il Programma Alimentare Mondiale (PAM).

Durante gli ultimi due anni MSF ha curato oltre 300mila bambini malnutriti in 22 paesi. MSF ha iniziato a usare una strategia preventiva con prodotti alternativi a basso costo nei suoi progetti nel 2007. Una distribuzione su larga scala di simili alimenti ai bambini piccoli nella regione di Maradi ha ridotto il picco stagionale del numero di bambini gravemente malnutriti.

Lascia un Commento

Condividi con un amico