MSF avvia le operazioni di soccorso nella provincia di Aceh nel Nord di Sumatra (Indonesia).

  • Catastrofe naturale
  • India

Roma/Bruxelles, 29 dicembre 2004 – L'associazione umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere (MSF) ha iniziato oggi a portare soccorso medico alla popolazione di Aceh, provincia indonesiana nel Nord dell'isola di Sumatra. La regione si trova di fronte all'epicentro del terremoto che ha scatenato lo tsunami ed è stata devastata.

MSF è la prima organizzazione di soccorso a lavorare nell'area. Un team di otto persone, comprendente 3 infermieri e due medici, è arrivato a Banda Aceh ieri e ha immediatamente allestito una clinica in un campo per sfollati.

"Quando siamo arrivati a Banda Aceh, ieri, abbiamo trovato mezza città completamente distrutta – spiega Sabine Rens, capo-missione di MSF in Indonesia – . Nella città sono stati allestiti tre campi per le persone sfollate che hanno perso tutto. Abbiamo allestito una clinica e offriamo supporto medico a uno degli ospedali locali".

Dal momento della tragedia, quattro giorni fa, la popolazione di Aceh non ha ricevuto alcun tipo di assistenza umanitaria. "Aceh è senza dubbio una delle zone più duramente colpite dal maremoto – dice Stefano Savi, direttore di MSF in Italia -. L'epicentro era a meno di 250 chilometri a largo dalla città di Banda Aceh e una serie di scosse di assestamento hanno colpito a meno di 100km dalla città. E' estremamente importante riuscire a portare aiuti alla popolazione locale il prima possibile, dobbiamo trasportare materiale medico, farmaci e strumenti per la stabilizzazione dell'acqua e il ripristino dei servizi igienici".

L'aereo che ha trasportato lo staff di MSF ad Aceh conteneva anche 6 tonnellate di materiale medico. Un altro aereo cargo contenente 32 tonnellate di materiale di soccorso preparato da MSF è partito ieri alle 22.30 da Ostend, in Belgio, e dovrebbe atterrare a breve a Medan, unico aeroporto agibile vicino ad Aceh.

Nelle prossime 48 ore altri due volontari di MSF realizzeranno in elicottero un monitoraggio aereo per verificare la situazione nella striscia di terra di 400 km che va da Medan a Banda Aceh, nella zona Nord-Est.

Entro breve arriveranno ad Aceh altri sette volontari internazionali di MSf e un altro volo con 22 tonnellate di materiale di soccorso.

Lascia un Commento

Condividi con un amico