Niger massiccio intervento di MSF per combattere la malnutrizione infantile

  • Malnutrizione

Niamey/Roma – Ogni anno la popolazione del Niger è colpita da una crisi nutrizionale che raggiunge il culmine tra maggio e settembre. La portata della crisi quest’anno è particolarmente preoccupante e per questo più di 77.000 bambini affetti da malnutrizione grave sono già stati curati nei 69 centri nutrizionali supportati da MSF e i suoi partner locali FORSANI (Forum Santé Niger) e BEFEN/ALIMA (Bien-être de la Femme et de l’Enfant au Niger). Dal mese di luglio MSF sta inoltre distribuendo integratori alimentari a più di 143.000 bambini per prevenire l'insorgere della malnutrizione. Misure di prevenzione di qualità sono cruciali per affrontare le ricorrenti crisi nutrizionali che affliggono il paese.

“Le strutture gestite dal Ministero della Salute sono sovraccariche a causa del numero impressionante di bambini gravemente malnutriti che hanno bisogno di cure. Questi bambini sono spesso in condizioni di salute critiche che ne aumentano il rischio di morte. Anche con scenari più ottimistici, i tassi di mortalità nei programmi nutrizionali sono ancora alti, dal 3 al 4%”, dichiara Patrick Barbier, capo missione di MSF in Niger.

Oltre a fornire le cure ai bambini gravemente malnutriti, MSF sta distribuendo integratori alimentari pronti all’uso a più di 143.000 bambini. Questi prodotti – che contengono latte, minerali e vitamine – sono adatti ai bisogni nutrizionali dei bambini. L'intervento è stato programmato in accordo con il Governo del Niger, il Programma Alimentare Mondiale (PAM) e l’UNICEF ed è stato realizzato in cinque distretti in collaborazione con le organizzazioni nigerine.

“La prevenzione mira a identificare il modo più efficace per scongiurare l'insorgenza della malnutrizione anno dopo anno, facendo diminuire il carico medico, finanziario e logistico necessario per curare così tanti bambini malati”, spiega Susan Shepherd, coordinatrice del gruppo di lavoro sulla nutrizione di MSF.

La distribuzione di integratori alimentari su larga scala effettuata quest’anno, rappresenta un cambiamento positivo importante nella risposta preventiva alle emergenze nutrizionali in Niger. Ciononostante, la portata delle ricorrenti crisi nutrizionali nel paese, richiederebbe che queste strategie di prevenzione venissero integrate costantemente nella lotta alla malnutrizione.

MSF intende lavorare insieme ai sui partner locali ed internazionali per definire il miglior prodotto e la strategia a lungo termine più efficace per prevenire la malnutrizione tra i bambini del Niger.

MSF e i suoi partner BEFEN/ALIMA e FORSANI supportano 59 centri nutrizionali su base locale e 9 centri intensivi per la riabilitazione nutrizionale nelle regioni di Tahoua, Maradi e Zinder. Nell’insieme sono stati ricoverati più di 77.000 bambini gravemente malnutriti dei 170.000 che hanno ricevuto cure fin dall’inizio dell’anno. In queste regioni così come in Agadez, MSF fornisce cure mediche gratuite ai bambini presso i gli ambulatori e gli ospedali pediatrici.

Lascia un Commento

Condividi con un amico