Repubblica Centrafricana: migliaia in fuga per nuova ondata di violenza a Bangui

  • Conflitto
  • Repubblica Centrafricana

Quarantamila persone sono state costrette a fuggire in cerca di riparo e protezione dopo la nuova ondata di violenza esplosa a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana (CAR), a fine settembre. Le équipe di MSF sono in azione per fornire assistenza agli sfollati e rispondere a questo scenario persistente di tensione e instabilità.

Dall’ultima ondata di violenza, migliaia di persone hanno dovuto lasciare le proprie case e hanno trovato rifugio in diverse zone della città, tra cui il campo di Mpoko, sorto nei pressi dell’aeroporto di Bangui, dove negli ultimi mesi si sono radunate fino a 100.000 persone durante i picchi di maggiore violenza nel paese. “Sono partiti senza portare nulla con sé e ora vivono in condizioni terribili. La maggior parte di loro non ha ripari, non ha cibo e non ha quasi alcun accesso a cure mediche” spiega Jean-Guy Vataux, capo missione di MSF a Bangui

Il 2 ottobre in città è tornata una calma precaria. Le équipe di MSF hanno immediatamente valutato i bisogni e il 4 ottobre hanno iniziato a fornire cure d’emergenza ai nuovi sfollati. Sono state inviate cliniche mobili negli accampamenti temporanei sorti nelle zone della Facoltà di Teologia (FATEB), del BenzVi, del St Jean XXIII e degli Avventisti. MSF sta anche supportando l’ospedale pediatrico di Bangui. Tra il 4 e il 9 ottobre, MSF ha effettuato 1.063 consultazioni (di cui il 17% per bambini sotto i cinque anni), soltanto nelle zone della FATEB e del BenzVi, soprattutto per malaria, infezioni respiratorie, malattie della pelle e diarrea. Grazie al passaparola, il numero dei pazienti aumenta di giorno in giorno. Le équipe di MSF stanno ora cercando di avviare altre attività per rispondere ai numerosi bisogni.

Nel picco della violenza, gli abitanti di Bangui hanno subito in modo diretto la situazione di insicurezza, sono stati feriti, sono stati costretti a lasciare tutto. La presenza di operatori umanitari e l’assistenza che possono fornire, soprattutto a Bangui ma anche nel resto del paese, sono fondamentali, in particolare per garantire accesso a cure mediche di base e specialistiche.

“Nonostante l’insicurezza e l’instabilità, la maggior parte dei nostri operatori nazionali e molti dei nostri operatori internazionali sono rimasti a Bangui per aiutare nell’emergenza. Altri operatori internazionali sono arrivati dalla vicina Repubblica Democratica del Congo per supportarli” spiega Jean Guy Vataux.

Tra il 26 settembre e il 2 ottobre, le équipe di MSF hanno fornito cure alle vittime della violenza in tre delle proprie strutture: 183 feriti al General Hospital e altri 200 circa all’ospedale di Castor, specializzato in maternità, e al centro di salute presso il campo di Mpoko.

 

Le nostre attività nel Paese

MSF lavora in CAR dal 1996. Nel 2014, le nostre équipe hanno fornito oltre 1,3 milioni di consultazioni mediche e trattato 59.059 pazienti ricoverati. 

Lascia un Commento

Condividi con un amico