Repubblica Democratica del Congo: l’’epidemia di morbillo è fuori controllo – MSF chiede azioni urgenti

  • Repubblica Democratica del Congo

Kinshasa/Roma – Negli ultimi sei mesi, un’epidemia di morbillo è scoppiata nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). Medici Senza Frontiere (MSF) denuncia la gravità della situazione e chiede a un’azione congiunta per far fronte al dilagare della malattia.

“L’epidemia di morbillo è fuori controllo”, spiega Gaël Hankenne capomissione di MSF nel Paese. “Da settembre 2010, abbiamo vaccinato oltre un milione e mezzo di bambini. Ma la malattia si sta diffondendo a macchia d’olio. Tutti coloro che nel Paese operano nella sanità devono trattare questa epidemia come un’emergenza nazionale”.

Negli ultimi mesi, MSF ha fornito una risposta completa all’emergenza occupandosi del trattamento, delle vaccinazioni e della ricerca epidemiologica nelle province del Katanga, del Kasai occidentale e del Maniema. Ma l’epidemia si sta trasmettendo rapidamente nel nord del Paese.

I bisogni di vaccinazioni e cure, nonché di risorse umane e di capacità logistiche e finanziarie, sono così enormi che MSF non può sostenerli da sola in tutto il Paese. “Stiamo chiedendo al Ministero della Salute di dare una risposta immediata all’epidemia che sta interessando anche altre province e nuove zone”, dichiara Geza Harzi, capomissione di MSF in Katanga.

Al contempo chiediamo ai donatori internazionali, alle istituzioni e alle organizzazioni mediche che lavorano nella RDC, in particolare le agenzie delle Nazioni Unite UNICEF e Organizzazione Mondiale della Sanità e le ONG, di agire immediatamente. Chiediamo loro di utilizzare i fondi per le emergenze o di intervenire dando una risposta all’epidemia. Se la risposta internazionale non sarà rapida, sarà impossibile tenere sotto controllo la diffusione del morbillo in tutto il Paese.

Il morbillo è una malattia altamente contagiosa che può causare complicazioni mediche come polmonite, malnutrizione, disidratazione grave, infiammazioni dell’orecchio o infezione dell’occhio che può portare alla cecità. Il tasso di mortalità cambia a seconda del contesto. Quando una popolazione non è vaccinata, il morbillo può uccidere tra l’1 e il 15% dei bambini malati. Tra i gruppi più vulnerabili (persone sfollate o malnutrite) il tasso di mortalità sale al 25% se la popolazione ha un limitato accesso alle cure, come si riscontra in alcune zone del Paese.

MSF ha esteso le sue attività ad altre aree: Tshikapa nel Kasai occidentale, Fizi nel Sud Kivu, Kolwezi e Likasi nel Katanga. Oltre un milione di bambini sarà protetto da queste vaccinazioni. “Da settembre 2010, abbiamo registrato più di 21.000 casi di morbillo nella RDC” , conclude Gaël Hankenne. “C’è bisogno subito di un’azione congiunta per frenare l’epidemia”.

Lascia un Commento

Condividi con un amico