Siria: bombe al cloro contro una città del Nord e i suoi abitanti

  • Conflitto
  • Siria

Un attacco al cloro nel nord-ovest della Siria il 16 marzo ha ucciso sei persone e ne ha avvelenate altre 70, secondo quanto riportato da medici siriani che lavorano nella zona, contattati da MSF. I testimoni hanno visto elicotteri sganciare dei barili, che una volta caduti al suolo hanno rilasciato un gas asfissiante.  Gli attacchi si sono verificati intorno alla città di Sarmin, controllata dai ribelli, nella regione di Idlib. MSF sta supportando l'ospedale di Sarmin, dove sono stati trattati i feriti e ha ricevuto segnalazione di morti e di feriti.

"Attaccare con il gas di cloro una città e la sua popolazione civile dimostra ancora una volta che il conflitto siriano non conosce limiti", ha detto Mego Terzian, presidente di Medici Senza Frontiere.

"Abbiamo visto persone arrivare in ospedale da un villaggio vicino," ha detto il dottor T, direttore dell'ospedale di Sarmin. "Tra loro c'era una famiglia, tre bambini con i loro genitori. Erano in condizioni molto gravi, stavano morendo. I genitori riuscivano a parlare ma avevano gravi difficoltà respiratorie. Sono morti tutti in ospedale, mentre la nonna dei bambini è morta asfissiata prima di raggiungere l’assistenza medica”.

Gli eventi e i sintomi descritti dal personale medico dell'ospedale non lasciano dubbi circa l’avvelenamento da gas di cloro. Non c'erano sintomi compatibili con altri prodotti tossici.

"Era buio e non abbiamo potuto notare alcun colore particolare nel cielo", ha dichiarato il direttore dell'ospedale. "Ma l'aria puzzava di prodotti per la pulizia e i loro vestiti avevano l'odore caratteristico del cloro."

Le vittime dell'attacco hanno sofferto in modo più o meno grave e molte persone sono rimaste severamente asfissiate. "Venti pazienti versavano in gravi condizioni, erano scossi, avevano schiuma e sangue alla bocca ed evidenti eruzioni cutanee" ha detto un altro medico dell’ospedale. L’équipe dell’ospedale ha trattato 70 vittime: gli abitanti di un villaggio vicino che era stato attaccato dai primi barili-bomba, gli abitanti della città di  Sarmin attaccata durante la notte e operatori di primo soccorso volontari della Difesa Civile Siriana colpiti mentre fornivano assistenza.

Alle vittime è stato fornito ossigeno e trattamenti per dilatare i bronchi e trattare le infiammazioni dovute alle ustioni.

L'ospedale di Sarmin fa parte della serie di strutture mediche supportate da MSF nelle aree inaccessibili della Siria colpite dal conflitto. L'organizzazione fornisce farmaci e forniture mediche alle strutture sanitarie in funzione.

MSF gestisce sei strutture mediche all'interno della Siria e supporta direttamente oltre 100 cliniche, centri sanitari e ospedali da campo. MSF lavora anche con pazienti siriani che sono fuggiti in Giordania, Libano e Iraq.

Lascia un Commento

Condividi con un amico