Medici e infermieri al collasso a Ghouta Est azione medica al limite. MSF chiede un immediato cessate il fuoco per consentire l elementare azione umana di aiutare i malati e i feriti

  • Conflitto
  • Siria

Medici e infermieri al collasso a Ghouta Est azione medica al limite. MSF chiede un immediato cessate il fuoco per consentire l elementare azione umana di aiutare i malati e i feriti

  • Conflitto
  • Siria

Il numero delle vittime nell’enclave assediata di Ghouta orientale, in Siria, sta aumentando oltre ogni immaginazione mentre la capacità di fornire cure mediche è agli sgoccioli. Lo dichiara oggi l’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF).

Gli ospedali e le strutture sanitarie supportate da MSF hanno ricevuto più di 2.500 feriti e oltre 520 morti in cinque giorni di intensi attacchi e bombardamenti, dalla sera di domenica 18 alla sera di venerdì 23 febbraio. Un bilancio sicuramente sottostimato perché il numero delle strutture che riescono a fornire dati sta diminuendo e perché anche molte strutture non supportate da MSF nell’area hanno ricevuto morti e feriti. Molte delle vittime sono donne e bambini. Nella giornata di ieri, il 58% dei feriti e il 48% dei morti erano donne e bambini secondo quanto riferito dalle 9 strutture supportate da MSF che sono riuscite a fornire informazioni.

Nello stesso periodo 13 strutture mediche, pienamente o parzialmente supportate da MSF nell’area di Ghouta orientale, sono state colpite da bombe o granate. I medici nell’area, già spinti allo stremo, stanno lavorando ininterrottamente da sei giorni di seguito, senza alcuna realistica speranza di poter trattare adeguatamente i loro pazienti in circostanze così estreme. MSF chiede un immediato cessate il fuoco per consentire l’elementare atto umano di aiutare i malati e i feriti.

Come infermiera che ha lavorato in contesti estremamente difficili, sono devastata nel sentire le testimonianze di medici e infermieri che hanno 100 pazienti feriti e nessun ospedale dove curarli, perché un bombardamento lo ha appena raso al suolo. Lavorare ventiquattro ore al giorno, senza trovare il tempo di dormire, di mangiare, costantemente circondati dai bombardamenti, nel mezzo di una emergenza assoluta, porta a un altissimo livello di disperazione e devastante stanchezza. L’adrenalina può portarti solo fino a un certo punto. Se medici e infermieri collassano, l’umanità collassa. Dobbiamo fare in modo che questo non accada. Meinie Nicolai Direttore generale di MSF

 

Il terzo giorno di questa offensiva i medici supportati da MSF chiedevano più forniture mediche. Oggi, dopo sei giorni di bombardamenti incessanti, dicono che anche con le forniture non avrebbero la capacità fisica di continuare a trattare i feriti e chiedono di fermare i bombardamenti.

Con l’intensificarsi del conflitto in Siria, i ripetuti appelli di MSF e altri perché venga rispettato il Diritto Internazionale Umanitario, ovvero le regole della guerra, sono caduti nel vuoto. Non smetteremo di chiedere il rispetto del Diritto Internazionale Umanitario, ma oggi aggiungiamo una richiesta specifica: perché i medici siano in grado di fare il loro lavoro, gli attacchi e i bombardamenti da parte del Governo siriano e dei gruppi armati dell’opposizione a Ghouta orientale devono cessare immediatamente, e chiediamo agli alleati delle parti in conflitto di usare la loro influenza per alleviare questa situazione drammatica. Con un così alto numero di strutture sanitarie colpite e danneggiate o distrutte, con le strade per trasferire i pazienti non percorribili per le macerie dei bombardamenti o per la paura di nuovi attacchi, con le forniture mediche limitate o del tutto assenti, e con numeri straordinari di pazienti, mentre i medici sono allo stremo, serve una risposta umanitaria urgente. MSF insiste che questa risposta deve includere:

  • fermare gli attacchi e i bombardamenti per consentire una riorganizzazione della risposta medica;
  • consentire l’evacuazione medica dei pazienti più gravi;
  • consentire a organizzazioni medico-umanitarie indipendenti di entrare nell’area per fornire assistenza diretta;
  • fornire una massiccia fornitura di farmaci e materiali medici salvavita;
  • garantire prima, durante e dopo ogni pausa nei combattimenti che le aree civili su entrambi i fronti, incluse le strutture mediche, non vengano colpite.

Chiediamo a ogni singolo stato membro delle Nazioni Unite che sia impegnato militarmente in Siria o stia supportando le parti in conflitto di riconoscere la propria complicità nella catastrofe medica che si sta consumando e di esercitare con urgenza la propria influenza per alleviare questa crisi.

Il nostro intervento in Siria

Dall’inizio del recente intensificarsi dei combattimenti, MSF ha fornito supporto regolare a 10 strutture mediche a Ghouta orientale, e sempre di più ha rifornito altre strutture con donazioni mediche d’emergenza. Anche le strutture che per anni non hanno chiesto il supporto di MSF hanno iniziato a chiedere aiuto, e MSF ha fornito donazioni d’emergenza alla maggior parte degli ospedali e delle strutture sanitarie nell’area grazie ai propri stock. Allo stesso tempo MSF non è stata in grado di fornire alcuni strumenti cruciali per la chirurgia che non erano in alcun modo disponibili a Ghouta orientale. Nelle strutture supportate da MSF non è presente personale dell’organizzazione. In altre aree, MSF gestisce direttamente cinque strutture sanitarie e tre cliniche mobili in Siria settentrionale e collabora con cinque strutture. MSF fornisce anche supporto da remoto a circa 50 strutture sanitarie in aree del paese dove le equipe non possono essere direttamente presenti, tra cui quella di Ghouta orientale.

Alcune di queste sono supportate in modo regolare, altre ricevono donazioni medicali d’emergenza quando maggiormente necessario. Le attività di MSF in Siria non comprendono le aree controllate dal gruppo dello Stato Islamico perché i loro leader non hanno offerto garanzie sulla sicurezza e l’imparzialità, né MSF può lavorare nelle aree controllate dal governo perché le ripetute richieste di autorizzazione da parte di MSF a oggi non hanno portato alla possibilità di accedere. Per garantire indipendenza dalle pressioni politiche, MSF non riceve alcun finanziamento governativo per le proprie operazioni in Siria.

 

Lascia un Commento

Condividi con un amico