Siria: nuova ondata di attacchi contro strutture sanitarie

  • Conflitto
  • Siria

L’ospedale di Busra, nel governatorato di Dara'a, è stato distrutto dopo essere stato colpito da dieci barili-bomba nella notte di lunedì. È una delle dieci strutture mediche che è stata presa di mira nel corso dell’ultimo mese. L’ospedale di Busra era l'unica struttura sanitaria a Dara'a a fornire assistenza prenatale e dialisi.

Hanno colpito l'edificio verso le 23 con quattro bombe che hanno distrutto porte e finestre. Quando siamo arrivati abbiamo sentito che gli elicotteri erano ancora in volo nella zona e abbiamo evacuato l'équipe medica e i pazienti. Dopo un'ora, hanno sganciato altre sei bombe che hanno distrutto metà delle attrezzature mediche e hanno gravemente danneggiato l'edificio”, racconta uno dei medici responsabili dell'ospedale.

Ancora una volta, chiediamo alle parti in conflitto di rispettare i civili, le strutture sanitarie e il personale medico, secondo il diritto umanitario”, dichiara Carlos Francisco, capo missione di MSF in Siria. Questi nuovi attacchi alle infrastrutture mediche sono inaccettabili”.

Attentati nel nord della Siria

Questo attacco è avvenuto solo pochi giorni dopo un altro contro un ospedale supportato da MSF nel governatorato di  Aleppo, a nord della Siria. Il 10 giugno, un barile-bomba è esploso appena fuori dal centro medico danneggiando le attrezzature, la farmacia e tutte le finestre e porte.
La zona adibita a post-operatorio è momentaneamente inutilizzabile a causa dei bombardamenti.

L'intensità e il numero di attacchi contro le strutture mediche ad Aleppo è in aumento.
MSF ha ricevuto segnalazioni di attacchi contro nove strutture sanitarie da maggio 2015. Tra queste, sei ospedali sono stati colpiti, cioè il 40% delle strutture che operano attualmente nella parte orientale di Aleppo.

Gli ospedali sono l'obiettivo principale, ma di recente anche le ambulanze sono state attaccate con i missili, così come i centri di salute”, ha spiegato uno dei medici che lavorano nell’ospedale supportato da MSF ad Aleppo.

Questo è stato il terzo attacco subito dall’ospedale dall'anno scorso, e secondo il personale, è stato il più pesante e più dannoso.

L'équipe medica era in ospedale e uno dei medici è rimasto ferito. Il personale continua a lavorare, anche dopo questo attacco. È normale avere paura, ma ci siamo impegnati a continuare il nostro lavoro. Come staff medico ad Aleppo ci sentiamo delusi perché il mondo resta a guardare senza intervenire né proteggerci. Abbiamo bisogno di protezione: la situazione è molto difficile e dolorosa”, aggiunge il medico.

Gli attacchi con i barili-bomba hanno danneggiato e distrutto le strutture sanitarie, le attrezzature mediche, i magazzini con i farmaci e i generatori, e causato temporaneamente o permanentemente la chiusura delle strutture mediche vicino ad Aleppo. Quando gli ospedali sono costretti a chiudere, i pazienti cercano strutture sanitarie alternative, ma hanno sempre meno opzioni. Il personale medico sta fuggendo e molti farmaci non sono disponibili.

C’è carenza di profili sanitari perché la maggior parte dei medici si sta spostando in località contigue o in Turchia. Se gli attacchi continuano, credo che la maggior parte del personale medico se ne andrà”, spiega Carlos Francisco.

MSF gestisce sette strutture mediche all'interno della Siria e supporta direttamente più di 100 cliniche, centri sanitari e ospedali da campo. MSF sta anche assistendo i pazienti siriani che sono fuggiti in Giordania, Libano e Iraq.

Lascia un Commento

Condividi con un amico