Sri Lanka civili in fuga dai combattimenti. Il racconto della psicologa di MSF

La psicologa responsabile del centro di salute mentale, Karen Stewart, ascolta le loro storie.

“La gente arriva qui in uno stato di profonda prostrazione. Molti sono stati separati dalle proprie famiglie e spesso non hanno alcuna notizia dei parenti. Capita che ai check point i bambini e gli anziani vengano separati da chi si prende cura di loro. Chi è giovane e sano è costretto a lavorare nei campi, mentre i feriti e i malati vengono portati in ospedale”.

Soli e in trappola

“I bambini in ospedale non sono accompagnati; gridano e invocano le loro madri. Gli anziani arrivano da soli. Alcuni presentano ferite gravi, spesso provocate dalle schegge, molti hanno subito delle amputazioni. Un bambino racconta di essersi trovato in un bunker con i suoi cugini al momento dell’attacco. Su dieci persone in cerca di rifugio, sei hanno perso la vita.”
 

“Dall’ospedale si sentiva il rombo delle bombe che esplodevano a Vanni. Potete immaginare la disperazione di quelle persone al pensiero dei familiari che avevano lasciato lì. La gente non voleva venire in ospedale, diceva di preferire morire con la propria famiglia”.
 

Qualcuno che si prende cura di loro

“Insieme ad altre due persone del team di MSF, abbiamo ascoltato circa 25 persone subito dopo il loro ingresso in ospedale. E’ importante che loro confidino a qualcuno le proprie paure e le proprie ansie. Ovviamente non siamo in grado di rassicurarli sulle sorti delle loro famiglie, non avendo informazioni di prima mano su quanto sta accadendo nella zona di conflitto, ma almeno ci prendiamo cura di loro”.

Il centro di salute mentale a Vavuniya

Karen Stewart e i suoi colleghi offrono sostegno a un’organizzazione locale specializzata nella salute mentale. Si occupano, in particolare, della formazione dei supervisori e aiutano i nuovi arrivati a sviluppare le competenze di base nel sostegno psicologico, soprattutto nei casi in cui gli stessi operatori abbiano subito traumi legati al conflitto.

 

Condividi con un amico