Sudan/Darfur: 17mila persone sono in pericolo. Serve un intervento immediato delle agenzie umanitarie.

  • Vaccinazioni
  • Sudan

Parigi/Mornay, 26 febbraio 2004 – L'associazione umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) ha scoperto 17mila nuovi sfollati che si sono radunati nella località di Krenik e Sisi, a Nord-Est di Mornay della regione del Darfur in Sudan.
Durante i sopraluoghi nella zona, le équipes di MSF hanno verificato che le persone in fuga aumentano di giorno in giorno e che le loro condizioni sono estremamente precarie: manca completamente l'acqua potabile, il cibo e l'assistenza medica sono insufficienti. In queste condizioni molti di loro non sopravvivranno.

I team di MSF hanno scoperto 44 tombe appena scavate, di cui 17 per bambini: un fatto che conferma gli elevatissimi tassi di mortalità tra queste persone.

MSF sta offrendo tutta l'assistenza medica possibile nelle attuali condizioni. Ma, distribuzione di acqua potabile e di articoli di emergenza, cura delle persone malnutrite e vaccinazione dei bambini contro le possibili epidemie di morbillo sono interventi da potenziare in tempi rapidissimi. Per questi motivi, MSF chiede un impegno immediato e su larga scala da pare di altre organizzazioni umanitarie la già allarmante situazione del Darfur non potrà che peggiorare.

Negli ultimi 2 mesi MSF ha visitato circa 115mila sfollati ammassati in diverse località tra Nyala e El Genina. Ma finora il team di 9 volontari ha potuto portare assistenza solo alle 45mila persone che vivono a Mornay e alle 15 mila che si trovano a Zalinge.

Il team di MSF a Mornay sta già trattando 159 bambini gravemente malnutriti e 450 con malnutrizione moderata. Ma ogni giorno il numero di piccoli da assistere aumenta e i volontari riferiscono che negli ultimi 2 mesi il grado di malnutrizione ha subito un notevole aumento.

Dal dicembre 2003 MSF è una delle poche agenzie umanitarie che offre assistenza nella aree accessibili del Darfur. Un team di 9 volontari internazionali e uno staff locale composto da dozzine di sudanesi conducono 100 consultazioni al giorno a Zalinge e Mornay. MSF sta anche distribuendo acqua potabile, coperte, sapone e altri articoli di emergenza non alimentari. MSF sta anche offendo assistenza nutrizionale e ha vaccinato 13.400 bambini contro il morbillo. Monitoraggi sono stati condotti anche a Bindisi, Dereish-Garcila, Mukjar, Krenik e Sisi. Quattro nuovi volontari sono arrivati oggi per offrire assistenza agli sfollati che si trovano a Garcila.

Lascia un Commento

Condividi con un amico